Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

16 Set
Vota questo articolo
(3 Voti)

Lorenzo Bracco trionfa al Pavese con "Anoressia"

Lorenzo Bracco trionfa al Pavese con "Anoressia" Un momento della premiazione

Santo Stefano Belbo – Si è imposto anche di fronte ai critici del Premio Cesare Pavese, Lorenzo Bracco. Col saggio “Anoressia”, uscito per i tipi di BookSprint Edizioni. L’autore salito sul gradino alto del podio per la categoria Medici Scrittori, nelle serate di premiazione del 31 agosto e del primo settembre, medico e psicoterapeuta, va alla ricerca delle vere cause di questa patologia, per superare il senso comune ed evitare la facile colpevolizzazione.
«Il libro è stato condotto con le modalità della medical serie televisiva. C’è suspense nello scoprire quelli che sono “i veri colpevoli”».

Il Premio Pavese, arrivato alla trentesima edizione, viene assegnato a letterati e intellettuali che si siano distinti per l’impegno civile e la capacità di elaborare idee originali, che consentono di analizzare, da punti di vista inesplorati, tematiche attuali o storiche. Proprio in questo contesto si colloca “Anoressia”. L’agile saggio (222 pagine disponibili anche in versione ebook) porta avanti teorie innovative e con argomentazioni coraggiose, sempre corredate di dati scientifici.

 

«Si rischia di creare ingiustamente delle colpevolizzazioni. Ad esempio, le famiglie in cui c’è un’anoressica vengono colpevolizzate, anche quando sia genitori che figli stanno facendo del loro meglio».
Ma come ci si riesce a svincolare dal peso di teorie che non si è più abituati a mettere in discussione?
«Per me è stato come la mela di Newton. Nell’anoressia c’è una caratteristica costante: la figlia non ha il gruppo sanguigno della propria madre. E nei protocolli classici di indagine il gruppo sanguigno non compare. Da qui nasce tutto questo studio».
Grazie alla sua formazione, che unisce medicina e psicoterapia, Lorenzo Bracco riesce a tracciare il profilo delle cause da diversi punti di vista; il risultato è l’elaborazione di una teoria originale, corredata da dati clinici e sperimentali.

 

 

 

Venerdì, 20 Settembre 2013 | di @Carmine Morriello

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)