Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

23 Ott
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Mauro Cartei

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono nato a Piombino, porto per l'isola d'Elba e città "dell'acciaio" prima con gli Etruschi e poi con....l'IRI (tutta un'altra storia!). Sono ingegnere e volendo affermarmi nella professione sono andato dove il lavoro mi portava: in Italia, a Milano, La Spezia, Genova, Busto Arsizio, Roma e all'estero Kazakistan, Russia, Bangladesh etc...

Ho sempre avuto passione per i libri: ricordo che nell'adolescenza, appena i miei genitori mi davano "la paghetta" correvo a comprare i libri della BUR (tascabili-economici) così, oggi, ho in casa una ricca biblioteca! Poi il quotidiano con i suoi assillanti impegni mi ha fatto tralasciare per anni questa mia voglia di comunicare con gli altri attraverso la parola scritta.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Non c'è un momento preciso: la voglia e la capacità di scrivere, sempre latente, nasce improvvisa è una "chiamata" che viene dall'interno della mente e sboccia come un fiore alla prima rugiada e al primo sole del mattino.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

A me piace leggere i libri di poche pagine, perché voglio iniziarli e finirli da sveglio, senza lasciarli per settimane sul comodino e leggere una pagina per volta prima di prendere sonno. Come scrittore di gialli il mio autore preferito è Camilleri .



4. Perché è nata la sua opera?

Dal 2003 ho vissuto "disgrazie" infinite che mi hanno relegato per mesi in ospedale, a letto, in carrozzina: da queste sono resuscitato, per fortuna e per volontà e oggi mi muovo liberamente e cammino da solo. Le "disgrazie" insegnano a dare priorità diverse alle nostre necessità: scrivere, quando ero immobilizzato a letto, mi ha aiutato a vivere una vita parallela, a uscire virtualmente dalla stanza dove ero relegato e viaggiare per il mondo come una persona sana.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Poco, perché per lavoro ho avuto contatti con altro tipo di soggetti, spesso assolutamente lontani da ogni interesse culturale. È però vero che i numerosissimi contatti umani dovuti proprio al tipo di lavoro che ho fatto e l'osservazione quotidiana dei luoghi che attraversavo e dei comportamenti altrui mi ha sicuramente arricchito di esperienza e valori che oggi posso riversare in quello che scrivo.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Scrivere è tutte e due le cose: un evasione per uscire dal quotidiano, spesso doloroso e un racconto filtrato (non una cronaca insomma) della realtà in cui si vive, per contribuire a migliorarla.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Non molto e non poco: come la storia del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Sì, chi vive con me e deve sopportare le mie lunghe lontananze, non fisiche ma "di testa": quando scrivo mi chiudo nella mia biblioteca, in fondo alla casa e non ci sono per nessuno.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

A mia moglie, purtroppo per lei.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?

Sì, certo il fruscìo e l'odore della pagina cartacea ha il suo fascino, dà emozioni e suggestione, ma non c'è modo di evitare "il progresso".



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

E' il passo successivo all'e-book ma, a mio avviso, non lo sostituirà. Occorrono attori veri per leggere adeguatamente i testi e spesso chi legge può alterare la musicalità e il senso dello scritto. L'unico e grave inconveniente è inoltre che la lettura di un terzo non dà modo e tempo per riflettere su quello che si ascolta.  

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 24 Ottobre 2014 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)