Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

14 Mar
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Gianfranco Barbareschi

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono nato nel 1939 a Milano dove vivo tuttora. Dal 1965 sono sposato con Mariella dalla quale ho avuto due figli: Luca e Monica, che mi hanno reso nonno di due nipoti; rispettivamente Viola e Lorenzo.

Diplomato in ragioneria, ho lavorato per 33 anni come capo ufficio del personale di un importante gruppo industriale.
In età giovanile (18-20 anni) ho scritto alcune poesie e un racconto, che sono rimasti nel cassetto per 55 anni finché, grazie a BSE che li ha pubblicati nel volume "Sogno di un'estate", mi è tornato il gusto per la narrativa.

 

2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
La sera, perché di giorno lavoro.


 

3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Difficile indicarne uno.

Leggo molto e generi molto diversi; da Michener a Vitali; da Carla Maria Russo a Sveva Modigliani; dalla Mazzantini a Lapierre, ecc.

 

4. Perché è nata la sua opera?
Per il gusto di scrivere, descrivendo vicende, anche reali, ma collocate in contesti sociali e ambientali diversi.


 

5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Molto, specialmente la formazione giovanile grazie a una madre maestra, un padre appassionato di storia e geografia, uno zio pittore e un altro sacerdote; oltre ad alcuni insegnanti preparati e coinvolgenti.

Poi il lavoro, che mi ha permesso di avere rapporti umani e professionali con molte persone.

 

6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
L'uno e l'altro.


 

7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Molto nei due libri precedenti; in quest'ultimo solo esperienze di vita conosciute per via indiretta.


 

8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?
Nessuno in particolare; le vicende narrate non si riferiscono a persone reali.


 

9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Ai miei figli a e due carissime amiche molto critiche.


 

10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Ritengo di sì, anche se credo che il libro cartaceo non perderà mai il suo fascino e, pertanto, sopravvivrà.


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Ho voluto sperimentarli e non mi sono piaciuti, anche se ritengo che, per casi particolari, possano essere utili.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 14 Marzo 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)