Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

01 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Sino Mokas

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

La principale emozione è costituita dal vedere la storia prendere corpo e soprattutto individuare il finale adatto.



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

Molti aspetti sono presenti relativi alla mia professione di medico e all'aver conosciuto persone che cominciavano ad avere i sintomi rendendosene conto.



3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Scrivere questa opera ha significato per me analizzare meglio le caratteristiche della malattia e poterci inserire alcune esperienze che hanno segnato la mia vita.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

È stata semplice ed è presente già nella prima pagina.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

Horcinus Orca. di Stefano D’Arrigo. In una unica colossale opera racchiude il significato della vita intesa come perenne odissea per ritornare alla propria casa e riprendersi l'identità.



6. E-book o cartaceo?

Assolutamente cartaceo.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Appena andato in pensione. Molti possono essere i motivi ma per me uno importante è dato dalla possibilità di scrivere liberamente sotto lo stimolo della fantasia in maniera totalmente diversa dal sistema di scrittura scientifico legato alla mia professione.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

Due aneddoti: uno riguarda la conoscenza diretta delle forme cliniche di questa malattia l’altro è riferito all’idea di compiere delle azioni impossibili in una vita sana ma spinte invece dall’inesorabilità del decorso di quella malattia.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

Sicuramente una notevole soddisfazione che spinge la fantasia e stimola il completamento.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

Mia moglie che è abbondantemente presente nel libro.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Importante soprattutto per chi non è in grado di leggere.

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 01 Settembre 2017 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)