Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

01 Set
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Anna D'Agostino

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

È la prima volta che mi cimento nella realizzazione di un libro, avendo cominciato un po' per gioco non ci credevo molto, ma più andavo avanti e più sentivo che la cosa mi affascinava.



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

Molto, visto che parte della storia che viene raccontata nel romanzo l'ho vissuta realmente, ma modificata in molti punti e il tutto colorato molto di rosa.



3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Scrivere quest'opera per me ha significato molto, visto che essendo affezionata ai ragazzi, ma soprattutto a Piero, ho potuto realizzare il mio sogno non da semplice fan, ma da ragazza che ha potuto capire quanto dei grandi artisti possano essere molto vicini alle persone comuni.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

No, la scelta del titolo devo dire che è stata molto semplice, visto che era nella mia mente già all'inizio del romanzo.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

Vorrei con me "Lettera a un adolescente" di Vittorino Andreoli, uomo di grande intelligenza, interessato sempre alle problematiche dei ragazzi.



6. E-book o cartaceo?

Sicuramente cartaceo!



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Non ho mai deciso di intraprendere la carriera di scrittrice, la cosa è venuta quasi per caso da quando seguo i ragazzi de Il Volo.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

L'idea è nata come già ho detto precedentemente, da quando sono entrata a far parte della scia di fan de Il Volo, ma la scintilla è scoccata quando una sera di ritorno da un concerto ho preso carta e penna per trascrivere tutte le emozioni che il concerto mi aveva trasmesso.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

È un'emozione indescrivibile, toccare con mano la realizzazione di un sogno nato quasi per gioco.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

Mia madre è stata la prima persona alla quale mi rivolgevo sempre man mano che la mia storia andava avanti, quindi è stata per lei una lettura sin dall'inizio.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Come adolescente, non posso che essere favorevole alla tecnologia che va sempre più avanti, ma dall'altro sono dell'idea che per alcune cose si dovrebbe mantenere la tradizione, e sono dell'idea che l'emozione che si prova nel leggere un cartaceo non si ha ascoltandolo.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)