Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

07 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Tarcisio Caron

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono cresciuto in un piccolo paese dove il commercio e il business occupavano il primo posto nella graduatoria dei valori etici. Il mio primo libro risale a circa 30 anni fa. Mi piaceva lo sport e decisi di scrivere un libro per richiamare segreti e valori antichi che oggi sono andati scemando; i sacrifici e l'impegno degli atleti a volte erano inumani.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Nella giornata non ho orari particolari in cui mi siedo a scrivere. Quando mi coglie il desiderio di scrivere parto a testa bassa fino a saturarmi. Quindi alterno lunghi periodi di inattività.

 


3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Tra i tanti segnalo Andrea Camilleri, Nicholas Sparks e inoltre Tiziano Terzani, anche se non ne condivido alcune idee e vedute.



4. Perché è nata la sua opera?

Sentivo il bisogno di raccontare l'importanza e il significato delle battaglie civili che dovrebbero riguardare tutti i cittadini, in particolare i giovani, che inevitabilmente portano al raggiungimento di ambiziosi traguardi e a cocenti sconfitte.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Molto poco, poiché' mi sono sentito sempre lontano da quel contesto, tranne alcuni brevi periodi della mia vita. La scelta di scrivere libri storici ne è in qualche modo la conferma.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Per me è stato essenzialmente un modo per raccontare la realtà o più propriamente la verità.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Il romanzo è imperniato interamente sulla mia vita.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

No. È stata una mia scelta libera.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

All'equipe di esperti dell'editrice Book Sprint.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Certamente sì, favorirà la lettura del libro.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

È un'innovazione molto interessante e proficua.   

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)