Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

25 Mar
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Katya Notari

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

Scrivere per raccontare, per riordinare e dare colore ai miei pensieri, per dar voce alle emozioni più profonde. Sono alla mia prima esperienza e ho provato emozioni contrastanti: dal dolore intenso alla gioia infinita.



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

Questo libro è la mia vita reale, ciò che ho vissuto partorendo una figlia prematura, il diario dei sei mesi trascorsi in rianimazione e il nostro quotidiano oggi nella disabilità



3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Un sogno che avevo nel cassetto da dieci anni e che grazie alla spinta di una persona da poco conosciuta, sono riuscita a realizzare. Ha significato abbassare un istante la guardia e aprirmi per condividere con altri il mio dolore.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

Semplice, il titolo doveva essere questo...da sempre.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

Margaret Mazzantini. Mi piace come riesce a scavare nell'animo umano con sentimento e passione.



6. E-book o cartaceo?

Cartaceo sempre con apertura all'e-book avendo figli piccoli che ne faranno uso.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

In realtà non è stata una decisione e non mi sento neppure scrittrice, ho solo voluto portare a termine una cosa lasciata in sospeso anni fa.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

L'idea del libro è nata per raccontarmi e raccontarci, per dar spazio e voce ai bambini prematuri che a volte riportano il peso della disabilità. Un voler accompagnare il lettore in questo mondo così difficile e doloroso. Il momento che più mi ha coinvolta emotivamente è stato leggere e riscrivere il giorno in cui Giulia è uscita dall'ospedale e la gioia incontrollata di poterla portare a casa dopo tanti giorni in cui è rimasta APPESA A UN FILO. Per un paio di ore ho rivissuto quella gioia dimenticando il dolore presente sempre.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

Una grandissima emozione



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

Mia sorella, vicina e presente in questo mio progetto.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Non mi emozionano, ma porta aperta anche all'audiolibro.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 25 Marzo 2015 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)