Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 75

BookSprint Edizioni Blog

18 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

“La Settima Piramide”

Prima che la Storia avesse inizio. Ecco un sorprendente saggio che lega i fili di miti, leggende, religioni e scoperte archeologiche per scavare alla ricerca delle origini dell’Umanità. I più grandi misteri della Terra e le domande alle quali la scienza non ha saputo dare una risposta sono intrecciati in questa affascinante ricostruzione che viaggia tra Antartide e la Piana di Giza, seguendo l’insolita rotta che tocca Abramo e Atlantide, Caino e il Paradiso Perduto, fino all’ antica sapienza del Tao.

 

Sono questi i temi ancestrali che Sergio Di Stefano affronta nel suo “La Settima Piramide”(416 pagine, disponibile anche in e-book), edito da BookSprint Edizioni. Si tratta di un lavoro che riprende e sviluppa la precedente ricerca avviata in “Oltre l’Eden”. Tra documenti storici e testi sacri, viaggiando insieme ai Templari, decrittando la Cabala e irradiando l’energia emanata dall’Arca dell’Alleanza, Di Stefano riannoda le grandi questioni irrisolte sulle radici più profonde del genere umano, valutando – senza tuttavia necessariamente abbracciarle – anche le ipotesi extraterrestri. Scrive infatti l’autore: «Sostenere che i nostri Antenati non furono dei rozzi umanoidi ma uomini perfino migliori di noi non contrasta minimamente con l’idea che la Terra possa esser stata visitata in qualche tempo da viaggiatori spaziali per qualche ragione particolare e che magari un domani nemmeno troppo lontano li potremmo incontrare faccia a faccia […] si spera in bene; solo che l’Evoluzione terrestre potrebbe non aver avuto affatto bisogno di Dèi dallo Spazio profondo per giustificare cose che appaiono inspiegabili magari solo per una disgraziata combinazione di eventi».

Attraverso lo studio combinato di simboli e dati scientifici, Di Stefano suggerisce che «i nostri antenati erano meno tecnologici ma senza dubbio più intelligenti dei loro discendenti fino ad oggi». E per dimostrarlo analizza persino i cambiamenti climatici che hanno accompagnato l’evoluzione del pianeta dalle sue origini ai giorni nostri.

Dal misterioso continente posto di fronte alle Colonne d’Ercole ai primi insediamenti nell’Africadel Nord, ecco svelata una straordinaria concordanza tra le narrazioni di Platone e la Genesi, con una limpida interpretazione di ciò che sarebbe effettivamente stato il Paradiso, il Giardino dell’Eden. E così Di Stefano riesce a riportare l’Umanità alle sue origini e a restituirle quelle radici e quella conoscenza perduta oggi così smarrite da provocare «panico ed alienazione». Si compie così quella eterna ricerca del Graal, quell’esperienza mistica che conduce l’Uomo ad una nuova e vivificante conoscenza di sè. 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 19 Agosto 2014 | di @

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)