Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

04 Feb
Vota questo articolo
(0 Voti)

"La bellezza mite" di Massimo Granchi, finalista a Casa Sanremo Writers 2019

La storia del lungo e tormentato processo di formazione della personalità e dell’orientamento sessuale di una donna comune, al centro del romanzo di Massimo Granchi "La bellezza mite” finalista al concorso letterario nazionale Casa Sanremo Writers 2019, organizzato dalla BookSprint Edizioni in collaborazione con Gruppo Eventi.
 
Trama. Il volume – 200 pagine pubblicate da Edizioni Il Foglio – racconta la storia di Elsa Beffigi figlia di un partigiano e di una proprietaria terriera strappata alla vita monastica da un matrimonio riparatore.
La narrazione è ambientata in Maremma a partire dagli anni ’30. Elsa è una ragazza emancipata e ribelle, una lavoratrice scrupolosa, ma avara di sentimenti perché non ha imparato a nutrirli. Una donna che mostra un grande coraggio nell’esprimere la sua volontà di cambiamento lottando contro stereotipi e convenzioni sociali.

Da questo lungo ma intenso romanzo si evidenziano le emozione più varie, particolari, multiforme ed inconsuete, con uno stampo attendibile, sincero e profondo. Grazie ad uno stile quasi evocativo e limpido, esso richiama emozioni importanti, fondamentali e basilari, quali scarsa conoscenza, timore, soggezione, rispetto, curiosità, a volte anche rabbia, collera ma che poi sono semplicemente scivolate nell’indifferenza, disinteresse che spingono la protagonista a mantenere sempre più le distanze. L’odio, il risentimento, la sofferenza nascosta che non riesce a venire fuori, si cementificano nella psiche dello spettatore e lo rendono complice di tutto quello che la donna è costretta a sopportare.
 
Massimo Granchi (Cagliari 1974) vive in provincia di Siena. Laureato in Scienze Politiche, è specializzato in Media, storia, cittadinanza. Ha conseguito un Dottorato in Istituzioni e Società. Ha vissuto a Stoccolma dove ha lavorato alla Camera di Commercio Italiana in Svezia. Oggi lavora nel settore pubblico della formazione professionale. Ha fondato, con altri autori, il Gruppo Scrittori Senesi di cui è presidente e il Premio Letterario Città di Siena. Autore di saggi e romanzi, ha vinto vari premi in concorsi letterari e con “La bellezza mite” è alla sua terza fatica letteraria.
Lunedì, 04 Febbraio 2019 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)