Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

03 Feb
Vota questo articolo
(3 Voti)

"Il fiore dell’amaranto" di Titti Gemmellaro, finalista a Casa Sanremo Writers 2016

Il passato, solo guardando in faccia il dolore lo si può comprendere. Il passato pieno di ricordi e rimpianti, sperando in un futuro diverso. Sentimenti e sensazioni forti di vita reale che Titti Gemmellaro è riuscita a trasmettere ai lettori del suo romanzo "Il fiore dell’amaranto" (98 pagine), opera pubblicata dalla casa editrice Edizioni creativa e scelta da una giuria di lettori molto ampia per partecipare, insieme ad altri 18 libri, alla finale del concorso letterario nazionale Casa Sanremo Writers 2016, organizzato dalla BookSprint Edizioni in collaborazione con Gruppo Eventi.

La trama. Lidia è una donna con il desiderio di avere una famiglia mai del tutto realizzato. Vive la sua vita di madre premurosa e di moglie incompresa, ma questo non la distoglierĂ  dal lottare per i suoi ideali fino in fondo. La storia finisce in modo inaspettato,  giungendo all’epilogo attraverso vicende di vita familiare e di crescita interiore che passano per la strada del dolore. Lidia riuscirĂ  a comprendere il suo passato, guardando finalmente con chiarezza il percorso da intraprendere per un futuro migliore. Il messaggio che lancia l'autrice è positivo: nella vita le sventure devono essere considerate come un opportunitĂ , per rinascere e reinventarsi. 

“Il fiore dell’amaranto” ci racconta quanto può essere difficile la vita di una donna, che nasconde spesso una realtĂ  dolorosa, ma che ritroviamo frequentemente anche nelle nostre vite. La metafora è proprio il fiore dell’amaranto, un baccello che è in grado di riprendersi anche dopo l’essiccazione soltanto entrando in contatto con l’acqua, allo stesso modo anche l'uomo deve essere tenace e non deve abbatersi mai. L’immedesimarsi nei panni di Lidia così profondamente, potrebbe essere per Titti Gemmellaro l’arma vincente per il successo di Casa Sanremo Writers, con la serata finale in programma il 13 febbraio al Palafiori di Sanremo.

Giovedì, 04 Febbraio 2016 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitĂ .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)