Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

01 Feb
Vota questo articolo
(0 Voti)

"Il giardino degli oleandri" di Aniello Amato, finalista a Casa Sanremo Writers 2016

Il passato, veicolo di ricordi e sogni, e la maternità, premessa di un futuro di gioia e vita. Due mondi che apparentemente sono agli antipodi, ma che Aniello Amato (detto Nello) ha riunito nel suo romanzo "Il giardino degli oleandri" (404 pagine), opera pubblicata dalla casa editrice Albatros e scelta da una numerosa giuria di lettori per partecipare, insieme ad altri 18 libri, alla finale del concorso letterario nazionale Casa Sanremo Writers 2016, organizzato dalla BookSprint Edizioni in collaborazione con Gruppo Eventi.

Protagonista del racconto è Maria, una prostituta che ha deciso di rompere con quella vita, ma che ormai ha un'anima sconvolta dalle brutture del passato. La sua fragilità, i suoi dubbi e le sue debolezze emergono in ogni pagina del diario che ha deciso di scrivere, su consiglio del suo psicoterapeuta, per sua figlia, come "eredità preziosa" da lasciarle. Maria nasconde un segreto, che però ha finalmente deciso di rivelare: ha ucciso. Non chiede perdono, non vuole pietà, non sogna la redenzione. Vuole soltanto liberarsi del suo peso e sogna, semmai, la comprensione.

Ha ucciso perché "Il giardino degli oleandri" racconta anche dell'amore omosessuale di Maria per Lucia e della violenza sessuale perpetrata nei suoi confronti da Giovanni Buondio e altri tre complici. La vita di una prostituta nasconde anche questo e pian piano la follia prende il posto della lucida ragione. Non si può dimenticare il passato, le voci, il dolore, un suicidio… tutto questo è vita, tutto questo è il brutto dell'essere umano.

Una realtà cruda, dolorosa, che riflette e fa riflettere sulla nostra società e su quanto ancora il nostro Paese, viva di una mentalità retrograda e di facciata che impedisce alle persone di vivere liberamente la propria vita, la propria sessualità, il proprio io. La bravura di Nello Amato, oltre a raccontare questa sfaccettatura delicata e disarmante italiana, è quelle di immedesimarsi nei panni di Maria e di raccontare, con freddezza e bruciante durezza, il mondo interiore di una ragazzina che sognava di studiare all'università e che è caduta vittima di un circuito infame e cattivo. Appuntamento allora con l'autore e con "Il giardino degli oleandri" il 13 febbraio al Palafiori di Sanremo per la finale di Casa Sanremo Writers. 

 

Martedì, 02 Febbraio 2016 | di @Dario D’Auriente

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)