Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

31 Mar
Vota questo articolo
(2 Voti)

Tu sei il mio tempo

 Esiste nella vita di ciascuno di noi un attimo in cui si prende consapevolezza dell’esigenza di concedere alla parte più profonda dell’io lo spazio in cui riflettersi, il tempo in cui narrarsi. Da questa intima, e preziosissima esigenza nasce il romanzo d’esordio di Anna Labruzzo. Assistente ed educatrice presso istituti scolastici superiori, Anna Labruzzo nasce nel 1965 nella città dei papi: Viterbo. Nel corso degli anni si allontana di poco dalla sua città natale, ed oggi la sua residenza è presso la graziosa e caratteristica cittadina di Civita Castellana, laddove il tempo sembra sostare in bilico tra passato e presente.

 Il trauma di uno strappo assai doloroso porta a galla un’esigenza di meditazione, e trova espressione nel romanzo “Tu sei il mio tempo”. Stampate nella tradizionale versione cartacea, le cento pagine del libro, pubblicato dai tipi della BookSprint Edizioni, mostrano un’anima denudata degli ornamenti inutili e pronta a rivivere con vivida intensità tutti i momenti di bellezza importanti per la vita dell’autrice Anna Labruzzo. Non è improbabile che le suggestioni paesaggistiche della sua terra d’appartenenza, così come l’impegno professionale, abbiano influenzato il suo carattere, indirizzandolo verso una lucida introspezione. Ma di certo la causa che spinge l’autrice ad una forma di autoanalisi scritta è un evento traumatico e doloroso nella sua vita (lo si evince dalla lettura e lo dichiara la stessa Anna Labruzzo nelle prime pagine del romanzo), la perdita del legame con colei che la vita la dispensa e la allevia con la propria presenza: l’insostituibile figura materna.

L’incedere è piano e lineare; il lettore scorre con veloce semplicità ogni gesto narrato, ogni emozione descritta nelle cento pagine del romanzo. Con una chiarezza stilistica degna di una buona scrittrice, Anna Labruzzo dà prova di sapere cucire tra loro - in modo tanto abile quanto snello - i singoli episodi della sua esistenza così da definire, alla luce delle considerazioni a posteriori, i contorni di ciascun singolo episodio. «So già che non sarà per niente semplice, ma voglio farlo, devo farlo e mi sfido a pensare che questo bagaglio consegnerà alla mia coscienza diversi messaggi, trovati da tempo, soffocati in un angolino giù in fondo.»

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 31 Marzo 2015 | di @Damiana Perrella

Altro in questa categoria: « Dominio Il rumore della neve »

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)