Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

23 Ott
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Claudio Krjwyx Alciator

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono romano, ho 45 anni; ho studiato nella capitale fino alla laurea in statistica, successivamente mi sono trasferito a Brescia dove ho conseguito due abilitazioni all'insegnamento. Attualmente sono precario. Da più di 20 anni soffro di depressione; la vocazione alla scrittura, giunta 2 anni or sono, rappresenta per me una valvola di sfogo, una via per trasformare il dolore in qualcosa di positivo.




2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Qualunque momento va bene, quello che più importa è avere con sé gli strumenti giusti (leggi: carta e penna) per poter fermare quella ispirazione e non lasciarla andare via.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

L'autore che più mi colpisce è Ungaretti (devo dire che questa stima risale addirittura ai tempi del liceo)



4. Perché è nata la sua opera?

La poesia è per me un mezzo privilegiato per dare voce alla mia sofferenza e per avere in contraccambio momenti di temporanea quiete.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Ho sempre vissuto attorniato da persone colte e questo ha sicuramente contribuito alla passione per la poesia.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Sicuramente, racconto la realtà, ma attraverso il vetro dei miei occhi e del mio dolore. Concentrarsi a scrivere una poesia è in quell'attimo in effetti un piccolo momento di evasione e sollievo dalla sofferenza



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Il mio scrivere è molto personale, autobiografico. La mia speranza è che però possa toccare la sensibilità di altre persone pur con esperienze differenti dalla mia. Credo che essere se stessi può a volte facilitare la comunicazione con il prossimo.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

La mia ex-moglie... per tutto il dolore che mi ha procurato!



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

La mia prima silloge l'ha letta mio padre.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?

Sì, anche se credo che la passione per la lettura vada coltivata e comunicata indipendentemente da ebook o meno.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Mi affascina molto, in più mette in contatto arti differenti oltre la poesia, come può essere la recitazione.  

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 24 Ottobre 2014 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)