Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

23 Feb
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Manuela Fagone

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono una donna di quarant'anni e vivo a Palinuro, un piccolo paese turistico che si affaccia sul mare, nella costa cilentana della provincia di Salerno. Da sempre vivo con un handicap motorio che mi vede su una sedia a rotelle, ma non per questo mi sono preclusa mai la possibilità di realizzare alcuni obiettivi e le mie ambizioni più grandi. Sono laureata in psicologia e specializzata prima come sessuologa e poi come psicoterapeuta con indirizzo cognitivo comportamentale. Esercito la mia professione con tutta la vocazione che nutro e tutte le scelte che ho preso, anche quelle più difficili o che richiedevano un impegno e uno sforzo maggiore, seguivano sempre una passione e una dedizione personale.
Caparbia e sognatrice, attenta a prendermi cura di chi abita nel mio cuore, testarda, forte e fragile allo stesso tempo, osservo molto, interpreto e vivo le mie emozioni con una sensibilità che me le amplifica. Più che una vera e propria decisione, quella di scrivere è stata un'esigenza di raccontare e condividere qualcosa altrimenti tenuto dentro e inespresso. Mi sono cimentata in un'attività che sapevo già che mi piaceva e mi entusiasmava, e soprattutto verso cui mi sento portata, e ho scoperto solo man mano quanto mi prendesse realmente e quanto la realtà di gratificazione andasse anche oltre le mie aspettative.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Scrivere mi coinvolge molto e cerco sempre di relegare un tempo e uno spazio ben preciso nell'arco della giornata per dedicarmi a farlo. Se mi sento ispirata o carica e motivata a portare a termine un progetto che io vedo nella mia testa, concentro la totalità del mio tempo e delle mie energie a farlo, ritagliando anche piccoli inframezzi di tempo tra altre cose e altre attività. Non c’è solo un momento e capita in alcuni periodi che dalla prima mattina alla notte inoltrata, fino a prima di dormire, riservo le mie energie e il mio entusiasmo a scrivere.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Ci sono alcuni autori che recentemente mi è capitato di leggere, non conoscendoli, e che conseguentemente mi sono riproposta di continuare a leggere e mi hanno stimolato la voglia di scrivere. Leggendo Ammaniti e Mazzantini tra quelli italiani, e Jojo Moyes, mi sono ritrovata particolarmente nello stile. Ritengo che siano questi gli scrittori che apprezzo maggiormente e che preferisco veramente, individuando in loro anche una certa dose di ispirazione
 
4. Perché è nata la sua opera?
Ho accumulato esperienze e panoramiche diverse nella mia vita, e mi sono ritrovata tante volte a dire, "Devo scrivere un libro!", forse per un bisogno di esprimere qualcosa di me che non potevo tenere chiuso. E ricordo che mia madre era quasi divertita di questa cosa e per me i suoi sorrisi erano consensi ed approvazione, fin quando il mio bisogno è diventato voglia, e quando mia madre è venuta a mancare gliel'ho promesso. Ho iniziato quasi subito a lavorarci ma forse non era il momento giusto. Ho continuato a percorrere la mia strada ma soprattutto ho continuato a credere che la vera forza è la voglia, e la mia voglia era quella di raccontare una vita, ma non semplicemente fatta di fatti ma fatta di emozioni, e tutto questo era spinto dalla voglia ancora più grande di mantenere quella promessa fatta a mia madre.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Io credo che la mia formazione così come la mia voglia di conoscere si è sviluppata ed è cresciuta indipendentemente dal contesto in cui vivevo. Non ho mai assorbito le reticenze e le chiusure mentali del paese piccolo che mi ha sempre ospitato; ho maturato le mie passioni, le mie attitudini e di conseguenza le mie ambizioni a prescindere da ogni forma di limite sociale verso cui non mi sono mai voluta adattare.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Personalmente credo che nel momento stesso in cui ci si appresti a scrivere, per quanto si voglia raccontare qualcosa di reale, avviene comunque una sorta di alienazione dalla realtà. Nel mio caso posso dire che sono riuscita a trovare nell' evasione stessa una dimensione reale e questa è stata la chiave per esorcizzare ciò che di reale era scomodo per me e difficile da gestire in altri modi.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
C’è tutto di me nel mio libro. Posso dire di essermi messa a nudo. C’è la mia storia, i passaggi che mi hanno segnato e il motivo, ci sono le mie sensazioni nel momento in cui vivevo determinate cose, ci sono le mie emozioni, c’è quanto di più concerne quello spazio più personale che è l'anima.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Quello che veramente credo sia stato fondamentale è una Me che credevo non esistesse più, fatta di grinta, determinazione e caparbietà. Le persone a me più vicino sicuramente mi hanno sostenuto, in particolare uno zio ha creduto forse più di tutti in me e nel mio progetto e dal primissimo momento, spronandomi tanto e incentivandomi nella maniera più positiva possibile, ma devo veramente tutto a quella parte di me che nella stesura dell'opera ho ritrovato.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
La primissima persona è stata mio fratello e non vedevo l'ora. Subito dopo di lui ha voluto leggerlo lo zio che ho menzionato prima e non mi aspettavo che mi proponesse lui stesso la sua intenzione di leggere il mio libro ancora prima dell’ufficializzazione ma sono stata entusiasta e contenta di condividere anche la fase della lettura con lui.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Sicuramente la tecnologizzazione rappresenta una porta verso un mondo nuovo che fa parte sicuramente del domani, e l' eBook ne fa parte. Onestamente però penso che per quante porte si possano aprire non è mai giusto chiuderne certe altre, per cui spero che il futuro della scrittura non sia affidato totalmente all' elettronica e che non ci si privi mai completamente del piacere del tocco e dell'odore della carta.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Credo che la versione audio di un libro o di un testo scritto svolge un aiuto prezioso e uno strumento compensativo fondamentale sicuramente per quelle persone affette da patologie visive o motorie particolari. Ritengo però che nonostante la comodità dell'ascoltare anche mentre si svolgono altre attività, rimane sempre necessario riservare uno spazio e un tempo esclusivo alla ricezione, per consentire una dose di concentrazione maggiore al testo, al romanzo o a qualsiasi approfondimento tecnico si ascolti.
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)