Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

05 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Fabio Sommella

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?
Sono nato a Roma e sono cresciuto tra i quartieri di San Giovanni, Appio Latino, l'area metropolitana di Ciampino e le colline dei Castelli Romani. Questi luoghi, nella loro marcata eterogeneità negli anni '60-'70, hanno contribuito a formare un'identità ibrida, dapprima in parte "cittadina", poi in parte "castellana", fino alla maturità e alla coscienza - con i dovuti limiti - di cittadino del Pianeta desideroso di conoscere culture "altre". La globalizzazione e la digitalizzazione hanno aiutato e accelerato questo processo di restringimento del Mondo nell'eterogeneo Villaggio Globale a cui oggi, volenti o meno, apparteniamo tutti.
 
2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
Sicuramente “Guerra e Pace” di Lev Tolstoj, un'opera maestra della narrativa non solo del XIX secolo ma dell'umanità di ogni tempo, frutto di un sofferto iter storico-spirituale, sospeso fra le dialettiche dell'esistenza, fra millenari opposti, emblematici della nostra cultura occidentale, ma non solo.
 
3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?
Anch'io amo i libri "cartacei", ne ho casa piena e mi sono formato su tali supporti ma sono comunque estremamente favorevole all'ebook, sui device tablet o PC che siano, non solo per le più rapide consultazioni e parallele possibilità di prendere appunti su file o per contingenti problemi delle singole persone, ad esempio per coloro che hanno problemi di vista la possibilità di ingrandire dinamicamente i caratteri, settare sfondi diversi e caratteri diversi (caratteri bianchi su sfondi neri), risolvendo così eventuali problemi di contrasto di luminosità o altro; ma anche perché la cultura - come molti beni culturali ormai insegnano - è "immateriale", e può e deve necessariamente svincolarsi dai supporti materiali. Ciò che conta è il pensiero, l'idea, il significato, il contenuto, financo la forma espressiva ma non il supporto. Sarebbe come se, di nuovo, dovessimo ripudiare il cinema per privilegiare solo il teatro; la fotografia per preferire solo la pittura; i libri "scritti" a mano dagli amanuensi al posto della stampa inventata nel XV secolo da Gutenberg; la musica esclusivamente suonata dal vivo al posto dei dischi in vinile, questi ultimi al posto dei nastri e dei CD e DVD, questi ultimi al posto degli MP3 o WAV o MP4 o altro ancora... insomma: ci muoviamo, inesorabilmente ma giustamente, verso una progressiva emancipazione dai supporti materiali. Anni fa scoprii i "Beni Culturali Immateriali"... questi, i beni culturali, non possono essere soltanto le sculture come il David di Michelangelo o similari... la creatività umana non ha forme obbligatorie e rimanere legati ai supporti diviene un retaggio nostalgico se non un feticismo dell'oggetto.
 
4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
Un colpo di fulmine che diviene poi amore ponderato per tutta la vita, insieme ad altre cose.
 
5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
Contingenze, innamoramenti verso vari generi, necessità - come il bere o il dormire - di esprimermi in varie forme, di argomentare su diversi temi, di mandare segnali ed emozioni del mio vivere attraverso diversi canali, non unilaterali ma plurimi.
 
6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?
Che la Vita - analogamente all'Opera in merito a cui, nei '60-'70, argomentava Umberto Eco - è pure un'Opera Aperta che, pertanto, ha molteplici porte di accesso e di uscita, molteplici finestre da cui affacciarsi per osservare il mondo e che quindi merita più forme di attenzione. Un oggetto d'arte o di scienza - un libro, un'opera, un teorema, una teorizzazione scientifica o filosofica - non fa eccezione. Così questo mio piccolo ed eterogeneo libro, un mix di più punti di vista e linguaggi, accomunati da un medesimo denominatore: l'innamoramento.
 
7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
Da piccolo dicevo di voler fare l'architetto, perché mi appassionavo con le costruzioni. La scrittura è divenuta una forma espressiva con la maturità, parallelamente ad altri linguaggi, quali quelli della scienza, in un certo grado quelli della strutturistica della chimica organica o della matematica, o gli algoritmi informatici o la scrittura musicale. Viviamo in un mondo di comunicazione sempre più plurimo e tutti questi - solo apparentemente - diversi linguaggi sono metafore del nostro pensiero, della nostra mente, della biologia che supporta il nostro cervello e l'evoluzione dei viventi. Sono tutte strutture e architetture ("La scrittura è architettura", dice Cocciante nella sua opera francese) che si articolano secondo certi criteri di varia natura. Come potremmo fare a meno, o ignorare, tutto ciò?
 
8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
Tutti gli elementi, dolorosi o gioiosi, intrinseci a questo libro, come pure ad altri, sono parte di me e non ci sono priorità.
 
9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
Si può non portare a termine un pensiero spontaneo? Rimuoverlo? Inibirsi al punto tale di recedere dal suo nascere, crescere, evolvere, dispiegarsi, trasformarsi... Impedirsi di respirare o bere? Ciò che cacciamo dalla porta rientra dalla finestra! Possiamo solo elaborare ulteriormente il processo che ne è all'origine: sederci e chiederci cosa ci sta succedendo. Così i contenuti di un libro. Lavorare sulla sua forma.
 
10. Il suo autore del passato preferito?
Lev Tolstoj.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Interessante certamente, come già l'ebook: in parte un ritorno alla radiofonia. Il nuovo, purtroppo o per fortuna, s'innesta sempre, o spesso, sul riuso di gran parte del vecchio.
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)