Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

31 Ott
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Gabriele Lino Verrina

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

Per me scrivere è un'immensa gioia, perché posso esprimere, senza infingimenti e senza inganni, il libero pensiero, i miei sogni di giustizia, gli ideali e i valori spirituali in cui ho sempre creduto e che ho cercato di realizzare, per quarant'anni, come magistrato.



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

Com'è facilmente evincibile dalla lettura del titolo del libro ("Come costruire la pace per la salvezza dell'umanità"), la mia vita di uomo e di magistrato è stata caratterizzata dall'irrefrenabile desiderio di rendere i valori costituzionali una palpitante realtà nel lungo e faticoso cammino dell'eguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge e della difesa dei diritti inviolabili degli uomini, tra i quali è indubbiamente prioritario il diritto alla pace tra le Nazioni per evitare la distruttività umana in un'epoca di follia e di disarmo nucleare.



3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Per me scrivere questo libro è stato un significativo momento, nonché un'immensa speranza: l'utopia della pace tra gli uomini e le Nazioni può inverarsi nella storia con l'amore cristiano, con la creatività e spiritualità, imprescindibili per la conoscenza della Verità.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

La scelta del titolo del libro è stata semplice, avendo già trattato il tema della pace in altro libro: "Papa Francesco e la crisi Planetaria" (ARACNE EDITRICE, 2016).



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

In un'isola deserta, sempre immaginabile con la fantasia, rileggerei i Quattro Vangeli per ritrovare nuove conferme al grande valore della pace contro il rischio incombente di uno scontro tra tati Uniti e Corea del Nord.



6. E-book o cartaceo?

E-book ha un grande significato culturale, perché consente che tutti possano agevolmente leggere e acquisire nuove conoscenze.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Dal 1982 ho cominciato a scrivere su vari argomenti relativi alla giustizia penale, alla nostra più volte tradita Costituzione, alla politica e alla teologia.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

L'invasione dell'Iraq da parte di Bush, in violazione del diritto internazionale e dei più elementari criteri umanitari, mi ha fatto meditare e pensare: la follia dei cosiddetti "Grandi uomini" non conosce alcun limite. La parola guerra non dovrebbe essere più usata dall'umanità, apparentemente adulta, ma sostanzialmente alienata.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

Veder pubblicato il proprio libro è una grande gioia, alimentata dalla speranza che possa essere letto da molte persone amanti della pace e della giustizia.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

Mia moglie ha letto subito il mio libro che già conosceva nel suo contenuto essenziale, avendo sempre condiviso i valori e gli ideali che lo caratterizzano.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Il mio giudizio è molto positivo, perché ritengo che la conoscenza immediata e diretta è il presupposto indefettibile per un'autentica democrazia e per uno Stato di diritto al servizio dell'uomo.

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)