Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

22 Giu
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Luciano Musu

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Nasco in una famiglia di operai, mio padre meccanico presso le Officine della Società Mineraria Monteponi e Montevecchio, mia madre sarta-casalinga. La mia vita è varia: dal mattino presto faccio servizio presso il Carrefour di San Sperate nel reparto pescheria. La sera mi occupo di Danza e Fitness presso una struttura sportiva cittadina. Mi dedico alla famiglia nella fascia oraria del pranzo e della cena, e in tarda serata o notte inoltrata scrivo.




2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Generalmente mi dedico alla scrittura dopo cena, nel silenzio della notte, in base allo stato d'animo, ai vari ed eventuali stimoli esterni: una passeggiata al mare, una bella canzone, l'incontro inatteso con una persona. Talvolta le sensazioni interne in diversi momenti e luoghi.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Non prediligo un autore contemporaneo in particolar modo. Diversi destano la mi curiosità attraverso il loro modo di affrontare le diverse tematiche esistenziali, e gli spunti di riflessione che propongono. Diversi mi stimolano a realizzare questa scansione dell'anima. Dinnanzi ad una scelta obbligata, Paulo Coelho è il più idoneo, fine, dettagliato e poetico nella sua narrativa.



4. Perché è nata la sua opera?

"Chiudo gli occhi e..." nasce dalla concentrazione di più periodi di sofferenza interiore, seguiti da un periodo di forte insicurezza e caduta di stima. Il dolore dell'anima è talvolta più lesivo del dolore fisico, in quanto non puoi circoscriverlo, ed il solo modo per renderlo tangibile è l'introspezione, una scansione dell'anima.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

L'influenza è stata ed è notevole poiché il basso Sulcis è economicamente il territorio più disastrato della Sardegna e dell'Italia tutta. Nascono pertanto spontanee le domande sul perché e il per come di questa situazione paradossale; l'analisi politica e le deduzioni logiche e sociali.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Per quanto mi riguarda la scrittura è un canale di sfogo. Metafora di uno stato d'animo doloroso, inquieto, che rappresenta la parte più recondita e nascosta dell'Io. Attraverso parole e frasi, descrivo ciò che non si può esprimere ordinariamente.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Il testo non è autobiografico, ma manifesto del mio modo di affrontare le varie situazioni della vita; superare le difficoltà e i timori del tempo passato, vagliare questo presente così confuso e senza una logica, determinare le soluzioni per il futuro.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

La stesura dell'opera non è stata determinata da una persona, ma da diversi stati e stadi di sofferenza, accumulatisi in un certo periodo della mia vita.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

"Chiudo gli occhi e..." non è un romanzo. La prima bozza è nata sulla base di meditazioni trascritte in foglietti, nei luoghi e contesti più diversi, sottoposti alla lettura e valutazione di mia moglie e di alcune persone a me care che in queste hanno colto una bellezza a me ignota.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Sì assolutamente, ma l'emozione, l'ebrezza, le sensazioni, il calore che trasmette il "nero su bianco" sono impagabili e inimitabili.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

L'audio libro è ottimo nelle sue funzioni ed obiettivi: ludico, comodo e rapido per chi non ha da dedicare alla lettura; visivo e motorio per coloro che sono affetti da handicap.

 



 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)