Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

20 Mag
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Romeo Milani

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Non mi ritengo uno scrittore ma un chirurgo professionista che anche in questa veste ha dovuto cimentarsi per divulgare il frutto della sua esperienza clinica e di ricercatore scientifico. Ho al mio attivo una cinquantina di pubblicazioni ed un brevetto di invenzione industriale. Da qui il mio tirocinio di narratore. Trattandosi di un genere autobiografico nulla posso aggiungere alla sua lettura per farmi conoscere meglio.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Attendo l'ispirazione e subito dopo mi dedico ad elaborarla.




3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Dei contemporanei, di volta in volta, confronto la concretezza dei loro contenuti e ad essi mi attengo; ho amato il "Cuore” di De Amicis per il valore pedagogico divulgativo.



4. Perché è nata la sua opera?

Poiché credibile ed imitabile, vorrei divenisse una testimonianza per la gioventù moderna per invitarla a non cedere alle avversità perché i sogni più ambiti si realizzano passando "per aspra".



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Tutto il vissuto risente del contesto sociale. Il mio ,per la sua natura, è giovato da stimolo.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Per me scrivere è ricordare la realtà e raccontarla obbiettivamente.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Tutto quanto ho scritto si rifà alla mia vocazione e agli sforzi impiegati per realizzarla e, soddisfatto, ho concluso con un elogio alla ferrea volontà.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Mia moglie come prima correttrice della bozza e pedante filologa.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

All'editore Pacelli per chiedergli un apprezzamento letterario.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

A mio avviso l'e-book è più funzionale alla lettura che alla scrittura trattandosi di una simbiosi tra due capacità intellettive ma il maggior beneficio lo trarrà l'editoria sotto l'aspetto commerciale.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

L'audiolibro giova alla divulgazione concettuale perché meno impegnativo della lettura e alla portata di tutti ma la sua maggiore utilità la esprime sotto il profilo culturale pedagogico perché, annullando la barriera della cecità, aiuta questa categoria ad inserirsi ad un livello più pregiato del tessuto sociale. Come istitutore dei privi di vista dell'istituto Sant'Alessio di Roma ne avevo preconizzato la necessità.


 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)