Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

31 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Renzo Di Luca

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono nato e cresciuto nel Monfalconese (GO). Conseguito la maturità nel campo tecnico navale. Assunto dalla Fincantieri e lì operato fino al pensionamento. Impiegato nel disegno navale (1950-1968) e poi nella progettazione e sviluppo di software applicativo nel campo navale in qualità di responsabile (1968-1992). Estensore di manuali tecnici esplicativi nell'uso dei sistemi. Relatore dei sistemi sviluppati alla Fincantieri nell'ambito di meeting e conferenze internazionali. Sono diventato scrittore nell'anno 2000 quando ho annotato volta per volta i comportamenti di mia moglie affetta dal morbo di Alzheimer e assistita fino all'anno 2012. In verità il libro l'ho scritto per la famiglia ma poi ha suscitato l'interesse degli esperti e ho voluto che sia pubblicato.




2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Effettivamente mi sono scoperto un po’ scrittore e sto annotando il mio passato sulla base dei ricordi che ancora albergano nella mia mente. Quindi da pensionato sfrutto tutti i momenti per annotare qualcosa di cui ho memoria.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

I miei autori preferiti sono tre: Italo Calvino, Corrado Augias e Italo Calvino.



4. Perché è nata la sua opera?

Come ricordavo la stesura dello scritto è nata per caso, ed è durata 12 anni. L'obiettivo era quello di annotare i comportamenti di mia moglie malata di Alzheimer. Sottoposto lo scritto a degli esperti è stato ritenuto una valida e interessante testimonianza per chi si trova a dover assistere un malato affetto di questo morbo.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Fin dall'inizio mi ero iscritto come volontario ad una associazione che si occupa di assistere i famigliari dei malati di Alzheimer. Questo è il contesto sociale su cui ho acquisito anche esperienze utili.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Per me scrivere è stato sempre raccontare la realtà.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Direi che c'è parecchio di me perché ho descritto i riflessi sul mio stato d'animo durante il lungo periodo dell'assistenza.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Direi di no perché l'ho scritta in silenzio, al punto tale che nemmeno le nostre tre figlie lo sapevano e sono state informate alla fine.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

L'ho fatto leggere alla dottoressa Annapaola Prestia esperta in materia di demenza e scrittrice di romanzi. Ha anche accettato volentieri di scrivere la prefazione.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Il futuro è l'e-book ma conviverà comunque con il cartaceo



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Ho poche conoscenze in proposito.



 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)