Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

22 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Mario De Santis

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?

Scrivere per me è diventato un bisogno, una necessità. Ora non né posso più fare a meno: un’emozione indescrivibile che racchiude in sé tante altre emozioni.



2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?

Devo confessare che, con tutta la mia buona volontà di “estraniarmi”, quando sto scrivendo, non riesco a non provare quegli stessi stati d’animo di “momenti vissuti” nella mia vita.




3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.

Un libro molto impegnativo: una “lunga gestazione” e infine un “parto difficile”, ma poi le “mie creature” una a una sono venute alla luce.



4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?

Venuto da subito. Sono gli stessi scritti che riportano ciascuno un momento particolare della vita. Poi uno scritto: “In quei momenti”, ha dato il titolo all’intera silloge.



5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?

Penso di portare con me il libro “Cuore” di E. De Amicis, forse per una questione affettiva. Il primo libro che ho letto e che mi ha insegnato a sognare.



6. E-book o cartaceo?

Sicuramente il cartaceo, per le sensazioni tattili e visive che si percepiscono. Per comodità e all’occorrenza: l’e-book.



7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?

Quando nel 2011, dopo 56 anni, "qualcuno" dall'alto ha voluto che io raccontassi la sua breve vita, guidando la mia mano. Così è nato: "L'angelo dai riccioli d'oro", la mia prima pubblicazione.



8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?

Tutto è nato per aver ritrovato anni fa un vecchio diario del 1969 dove io, allora giovane diciannovenne, cominciavo ad annotare la “vita” che man mano scoprivo dentro di me.



9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?

Un sogno che si realizza, fra i tanti che rimangono inesauditi.



10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?

Per intero nessuno, sono molto geloso dei miei scritti. Forse qualche breve passaggio letto in famiglia.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Ottimo supporto, e indispensabile per chi non ha la possibilità di toccare con mano, e sfogliare con gli occhi le pagine di un libro.


 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)