Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

14 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Ilaria Baldi

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Non è facile parlare della mia vita perché in realtà pur avendo solo 36 anni mi sembra di aver già vissuto due vite. La prima ha avuto origine il giorno della mia nascita ed è stata, fino a circa sei anni fa, una vita piuttosto bella. Dopo l'università ho conosciuto il mio attuale marito e nel frattempo ho iniziato a lavorare con mio padre nella sua società. Avevo tutto quello che potevo desiderare. La seconda vita, invece, ha avuto origine dal momento in cui sono rimasta incinta del mio primo figlio, Alessandro. Da quel momento, infatti, purtroppo mi sono trovata ad affrontare tanti problemi e tante sfide. La più difficile è stata ed è tuttora la malattia di Ale, la distrofia muscolare di Duchenne. Si tratta di una malattia genetica rara e ad oggi non curabile che colpisce i muscoli di tutto il corpo.

Dalla diagnosi ad oggi però molte cose sono cambiate e, se ancora non è facile accettare l'idea che il mio bimbo è malato, sicuramente riesco a guardare al nostro futuro con più coraggio e forza. Non c'è stato un momento preciso in cui ho deciso di diventare una scrittrice e in realtà mi sembra anche pretenzioso definirmi tale. Già da piccola amavo inventare storie ma da grande questa passione è stata messa da parte fino a quando non ho sentito l'esigenza di scrivere quello che stava accadendo nella mia vita una volta che la Duchenne ha iniziato a farne parte. All'inizio era un modo per rendermi conto che tutto era vero, poi è diventato un mezzo per parlare a me stessa e in futuro a mio figlio, solo alla fine è arrivata l'idea di pubblicare il libro.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Non c'è un momento preciso, in genere appena ho cinque minuti per me e voglia di rifugiarmi nel mio mondo o di sfogarmi, mi metto a scrivere e le parole escono da sole formando frasi e pagine a cascata.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Leggo un po’ di tutto e non ho un autore preferito. Il genere però che più mi piace è il fantasy.



4. Perché è nata la sua opera?

Come già detto è nata all'inizio come una sorta di diario nel quale annotare i miei stati d'animo e le mie sensazioni cercando di ritrovare al tempo stesso le mie energie.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Ha influito moltissimo. Provengo da un ambiente e soprattutto da una famiglia che ha sempre favorito l'approccio alla lettura e alla scrittura.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Entrambe le cose. Nel caso del libro “A te...” è stato un modo per raccontare la realtà, nel caso di altri progetti, ancora in fase di realizzazione, ho sentito il bisogno di scrivere per evadere dalla realtà, per dare sfogo alla fantasia e tornare a quando ero bambina e inventavo storie giocando con le mie barbie.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Tutto. Forse anche troppo. Sono descritti i pensieri più profondi e intimi. Spero che il libro aiuti altre mamme con problemi simili al mio a trovare il coraggio per andare avanti con il sorriso sul volto.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

Mio figlio, lui ha fatto risorgere in me il desiderio di scrivere. Certo, la circostanza è stata ed è dolorosa, ma senza forse non sarei tornata a coltivare questa mia passione che, come detto c'era fin da bambina.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

A mia madre. Le ho chiesto di darmi un parere e fare qualche correzione essendo un’ex insegnante di lettere.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Credo di sì anche se le sensazioni che ti regala la carta stampata sono immortali e uniche. Inoltre trovo la lettura tramite PC o tablet meno attenta, più frettolosa. Mi piace di meno in tutta onestà.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

L'innovazione va avanti ma spero che il classico Buon vecchio libro non venga mai dimenticato.



 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 14 Agosto 2015 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)