Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

08 Lug
Vota questo articolo
(34 Voti)

Intervista all'autore - Antonella Scolozzi

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?

Sono nata nell'ospedale di Casarano e cresciuta a Matino in provincia di Lecce. Come tutti i miei consanguinei, sono molto legata al Salento: luogo ormai riconosciuto da molti come incantato perché ricco di meraviglie artistico-culturali e dalle forti radici storiche. Amo il mare. Quando posso ci vado anche da sola perché mi piace starmene sdraiata a guardarlo semplicemente oppure osservare la gente intorno a me. La mia famiglia non ha mai goduto di una sicurezza economica costante, ma mi ha insegnato a comprendere il valore del denaro grazie al "Dio Lavoro". Questo libro rivendica tutti i sacrifici che ho dovuto affrontare nel corso della mia vita per poter diventare chi sono oggi.



2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?

Sicuramente "Il Piccolo Principe" di Antoine De Saint-Exupéry. Credo che la sua lettura sia importante per imparare ad osservare il mondo nelle sue piccole cose, anche quelle che sembrano invisibili o insignificanti e, soprattutto, effettuare un'introspezione e ripartire da zero ogni volta che qualcosa non va.



3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ e-book?

Da amante della "lettura vera e propria", io un libro amo sfogliarlo, annusare l'odore delle pagine, talvolta fare le orecchiette per tenere il segno. Tutto ciò mi aiuta ad immergermi completamente nella storia che ho davanti. D'altro canto bisogna stare a passo coi tempi e, se in una società in cui la tecnologia la fa da padrone un e-book può far avvicinare le persone alla lettura, allora ben venga.



4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?

La scrittura ha sempre fatto parte di me, quasi come uno dei cinque sensi. E' difficile spiegare un qualcosa che viene naturale. Non so cos'è che mi prende, ma quando scrivo riscopro una parte di me timida e nascosta che credevo di non avere, forse perché nella vita reale è difficile abbassare la guardia ed esternare l'intimità dei sentimenti: gli squali che ci circondano quotidianamente sono troppi e potrebbero azzannare da un momento all'altro.



5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?

A questo punto dell'intervista il lettore si aspetterebbe una risposta altrettanto eloquente quanto le altre. Sono sempre stata una persona onesta e perciò dirò solo che non lo so cosa mi ha spinto a scrivere questo libro. Spero che chi ne abbia apprezzato il contenuto mi possa aiutare a capirlo.



6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?

Il messaggio sempre presente prepotentemente nel libro è quello di non abbandonare mai i propri sogni, lavorando sodo per raggiungerli: se si desidera ardentemente una cosa prima o poi la si ottiene, anche se il percorso da intraprendere risulti difficoltoso.



7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?

Ai tempi della scuola, a differenza dei miei compagni di classe, aspettavo con ansia il giorno del compito in classe di italiano. Nessuna delle tracce proposte nel tema mi spaventava. Anzi, ad averne avuta la possibilità, le avrei svolte volentieri tutte per intero. Con una penna in mano ero imbattibile. Mai, però, avrei pensato di scrivere un libro.



8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?

Diversi sono gli episodi che ricordo con piacere: dalla meraviglia sul volto dei miei genitori ed il sostegno morale che mi infondevano ogni volta che leggevo loro una storia appena terminata di scrivere, all'entusiasmo di mio nipote nel suggerirmi idee per la realizzazione delle illustrazioni. Non faccio fatica ad ammettere che questa esperienza ci ha fatto avvicinare ancora di più.



9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?

Sì, l'ho pensato. La paura di non piacere o di non essere compresa era tanta, ma quando ci si mette in gioco è così: bisogna accettare di convivere con il rischio. Fortunatamente la soddisfazione di veder creata la mia opera esattamente come desideravo che fosse è maggiore.



10. Il suo autore del passato preferito?

Giacomo Leopardi e Luigi Pirandello.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Ho sempre visto di buon occhio l'audiolibro. Credo che sia un ottimo espediente per tener quieti i bambini in macchina durante un lungo viaggio o ad una festa di compleanno priva di animatore. Ma il motivo principale è un altro, dal significato ben più profondo. C'è chi amerebbe leggere per viaggiare in un mondo di colori o sorvolare paesaggi incantati, ma purtroppo non ne ha la fortuna. E allora, perché negare ad un non vedente di accedere anche ad un buon libro?



 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 08 Luglio 2015 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)