Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

07 Mar
Vota questo articolo
(13 Voti)

Intervista all'autore - Elvira Delmonaco Roll

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?

Sono napoletana, ma in me scorre anche il sangue dei sanniti, pratici, duri e determinati. La mia educazione è stata teatro di lotta tra mia madre, napoletana, e la zia molisana che viveva con noi. Mia madre, donna di grande cultura, intelligenza e apertura mentale, mi ha educato ai suoi valori e, nonostante la mia riluttanza, mia zia mi ha forzato ad apprendere i doveri di una buona padrona di casa, però non è mai riuscita a farmi ricamare. La mia educazione è stata, dunque, completa: mi sono laureata, ho insegnato nella scuola superiore con passione, competenza e innovazione metodologica, ho viaggiato, ho coltivato con cura la mia mente, ma ancora oggi non mi scompongo se ho trenta ospiti a cena. Ho sposato un ingegnere americano e ho parlato francese in classe, inglese a casa e italiano con i miei figli.

Non ho mai pensato che avrei dato alle stampe un libro anche se ho sempre scritto. Da adolescente ho attraversato la fase poetica, da universitaria ho dato una mano a scrivere tesi e tesine, da prof ho scritto pagine e pagine di materiale didattico e piccoli saggi sulla mia innovativa metodologia didattica, lavori che si sono persi nei depositi delle scuole dove ho insegnato, ma non mi sono mai messa alla prova con lo stile narrativo. L'estate scorsa ho maturato il progetto di scrittura dei miei racconti, ma ancora ho esitato, fino a quando mi sono decisa ed allora ho scritto senza fermarmi, presa dal bisogno di raccontare la Morgia, così come la vedo e la amo.



2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?

Non ho un momento o un tempo dedicato alla scrittura. Quando scrivo, dimentico il tempo che passa e i bisogni di chi mi è accanto, per questo preferisco la notte, col suo silenzio e la sua tranquillità.



3. Il suo autore contemporaneo preferito?

Di sicuro Andrea Camilleri, che mi trasporta nella Sicilia che amo a sentirne il profumo, a respirarne la salsedine , a incantarmi col suo mare e ad avvincermi con le sue storie.



4. Perché è nata la sua opera?

Perché' ho voluto aggiungere anche io qualche pennellata all'affresco storico su Pietracupa, dipinto prima, in chiave rigorosamente storica e documentata, dalla storica A. Delmonaco, poi nei bei ricordi di C. Camillo. Ho pensato che in tanta luce di verità, fosse necessaria un po' di ombra, l'Ombra della Morgia, appunto. Penso che ognuno di noi tre abbia lo stesso obiettivo: non lasciare morire nella dimenticanza una parte importante della nostra cultura. Conosco Pietracupa e la amo, perciò ne ho scritto, ma come questo paese, in Italia ce ne sono altri a rischio, che non riescono ad affrontare il futuro.



5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?

Senza di esso non sarei quella che sono e non avrei scritto il mio libro. Molti altri contesti non sono favorevoli alla scrittura come quello in cui ho avuto la fortuna di vivere.



6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?

Sicuramente per me è un modo per raccontare la realtà oggettiva, come la vivo e la percepisco, anche se, a volte, la distorco o la ignoro, adattandola ai miei obiettivi e al messaggio che voglio trasmettere. Per me scrivere è soprattutto una forma di comunicazione in cui metto in gioco anche la mia realtà soggettiva, i miei pensieri, le mie opinioni e le mie emozioni, per quanto distaccata mi sforzi di essere. Scrivere è, quindi, svelare una parte reale di me nella difficile ricerca delle parole che stabiliscano il contatto con l'ignoto lettore da cui voglio essere compresa, accettandone il giudizio, qualunque esso sia.



7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?

Ovviamente molto, ma non è necessario parlare delle proprie esperienze per raccontarsi. In ogni lavoro letterario lo stile parla dell'autore, i contenuti scelti parlano del suo vissuto e, per quanto l'autore tenti di estraniarsi dalla sua opera, il suo pensiero lo tradisce. Non esiste un'opera letteraria che non parli ad alta voce del suo autore.



8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?

L'idea di scrivere un libro di racconti mi è venuta qualche mese fa, quando ho recensito un libro del mio amico Claudio Camillo e la recensione è stata pubblicata da un paio di giornali molisani. In una nostra conversazione, scherzando, gli ho manifestato l'intenzione di scrivere un testo narrativo, anche se pensavo che non lo avrei mai fatto. Lui ne è stato entusiasta e mi ha incoraggiato a mettermi alla prova. Ho pensato, quindi, di tradurre in parole le storie che custodivo nei miei ricordi, ma senza mio marito, non avrei mai cominciato: è stata la sua fede nei miei mezzi comunicativi a incoraggiarmi ed è stato lui, che non ha mai letto una parola di quanto scrivevo, perché' non legge l'italiano, a dirmi che, se volevo scrivere, dovevo farlo.



9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?

I miei figli hanno letto le prime pagine e un mio amico italiano, dopo aver letto il primo racconto, ha voluto leggere anche il resto. Nessun altro ha letto il mio lavoro prima della stampa, ma ormai ero partita e non mi sarei fermata.



10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’e-book?

Sicuramente e ne fa fede il dato statistico che sempre più persone se ne servano. Anche io me ne servo spesso.



11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?

Personalmente non lo amo, anche se mi piace l'e-book, ma io sono ancora legata alla scrittura visiva. Tuttavia penso che per molti potrebbe cambiare l'approccio alla lettura.

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Sabato, 07 Marzo 2015 | di @BookSprint Edizioni

Articoli correlati (da tag)

1 COMMENTO

  • Link al commento Ezechiele CAMILLO inviato da Ezechiele CAMILLO

    Sono certo che questo libro mi affascinerà alla stessa maniera di come mi ha affascinato l'autrice, Elvira Del monaco, di cui mi onoro della sua fraterna amicizia da sempre, ed ancora di più ora che avrò il piacere di "leggerla" ed assorbire tra le "righe" della sua opera la bellezza ed il profumo della sua capacità espressiva, profonda, intelligente e luminosa che di fatto rispecchia la sua anima sensibile e geniale.

    Attendo a Roma la presentazione del libro.

    Lino Camillo.

    Domenica, 08 Marzo 2015 21:10

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)