Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Errore
  • JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 74

BookSprint Edizioni Blog

13 Mar
Vota questo articolo
(1 Vota)

Il giorno in cui la zanzara si mangiò il coccodrillo

 â€śIl giorno in cui la zanzara si mangiò il coccodrillo” è la prima raccolta di poesie di Agatino Antonio Condorelli che ha deciso di pubblicare con la BookSprint Edizioni e in 128 pagine (versione ebook disponibile) quella che è la sua intera opera artistica. Centosedici poesie di vario tema e stile asciutto che tendono ad una sorta di verismo crudo e definitivo in cui sia il poetare, sia i concetti che sottendono alla creazione delle liriche, risentono della particolare formazione “tecnica” (e personale) dell’autore.

 Agatino Antonio Condorelli nasce a Catania nel 1949. Laureato in Economia all’UniversitĂ  di Catania è appassionato di letteratura americana e di poesia italiana a partire dagli anni sessanta, sin da quando inizia a frequentare l’Istituto Tecnico “De Felice di Catania” ed è proprio in questo periodo che nasce la sua passione per la poesia, mezzo, in etĂ  scolastica, per “corteggiare le ragazze”. In questi anni studia Charles Baudelaire, Bertolt Brecht, Leonardo Sciascia, Dante Alighieri e Antonio Gramsci. Si appassiona alla poesia americana, specie quella della generazione beat e legge fra gli altri Allen Ginsberg e Jack Keruak. Dalla letteratura italiana prende l’esempio di Cesare Pavesi, grande maestro e la cui opera “Il mestiere di vivere, diario di un uomo e di uno scrittore” è per l’autore uno dei massimi esempi di letteratura.

Le poesie di Agatino Condorelli parlano d’amore e di vita vera. L’amore che l’autore racconta può essere non corrisposto, arrabbiato con il mondo, sporco, vitale, carnale. Sicuramente è sempre personale: si mette in gioco senza paura delle parole, delle proprie parole. Le liriche oltre un’esistenza propria e artistica riescono anche a chiarificare i rapporti che chi scrive intraprende con gli altri e con il mondo in un continuo, scambievole gioco di parti che nell’ermetismo dei suoi versi si palesa con una potenza nuova e interessante. Questo è “Il giorno in cui la zanzara si mangiò il coccodrillo”, semplicemente una vita in poesia.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 13 Marzo 2015 | di @

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicitĂ .
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)