Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

02 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Emilio La Greca Romano -

Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?
Sono cilentano d'origine (nato ad Acciaroli il 7 agosto 1963). Ho dedicato la mia vita allo studio, alla scrittura, all'insegnamento e all'attività giornalistica.
Ho studiato presso le Università agli Studi di Salerno e presso la Pontificia Facoltà dell'Italia Meridionale. Ho conseguito diverse lauree: Pedagogia, Materie letterarie, Vigilanza scolastica, il Magistero, grado accademico, di Scienze religiose, diversi perfezionamenti post lauream. Sono iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti di Roma. Abilitato in Filosofia e Scienze Umane. Ho collaborato e collabora con testate quotidiane e periodiche. Ho pubblicato vari volumi sulla storia della tradizione popolare cilentana, monografie e libri di prosa e poesia. Seguo la politica scolastica, le attività e le iniziative del mondo scuola. Su questi temi ho recentemente pubblicato "Scuola e Covid", "La ripartenza", "La scuola post pandemica". Diversi libri vengono distribuiti da vari store on line: www.mondadori, www.lafeltrinelli.it, (In Home - OPAC SBN l'elenco completo).
 
Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
Tutti i libri classici adatti a quella età: Le Tigri di Mompracem, di Emilio Salgari;
Le avventure di Pinocchio, di Carlo Collodi; Viaggio al centro della Terra, di Jules Verne; Le avventure di Oliver Twist, di Charles Dickens; Il giornalino di Gian Burrasca, di Vamba; I Tre Moschettieri, di Alexandre Dumas ecc.
 
Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’eBook?
L’editoria è soggetta a una trasformazione radicale. È costretta al cambiamento. Sempre meno si legge il testo cartaceo. L'editoria deve soddisfare un processo, quello della trasformazione delle idee dello scrittore in versione contenutistica possibile, accessibile, destinata a tutti. Il prodotto editoriale fino a qualche decennio fa veniva concepito in quanto libro cartaceo. Oggi solo pochi lo comprano, quindi non può più essere così. Le case editrici devono e dovranno rispondere in funzione della domanda più diffusa, se pure non bella e affascinante in termini di proposta produttiva. Fare l’Editore significava principalmente pubblicare libri cartacei, ora, purtroppo, non è e non può essere così. Internet ha rivoluzionato le culture, orienta sempre di più al virtuale. È tanto il tempo che tutti impiegano nella navigazione su Internet con smartphone e tablet. Il libro di carta, se pure opera fascinosa, si rappresenta un rischio ormai per tante case editrici. Peccato però.
 
La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
Scrivere implica un processo. Niente di improvvisato è la scrittura. Richiede conoscenza di codici poi creatività. Non si può improvvisare la scrittura...è una scelta di vita che obbliga allo studio, alla ricerca, al confronto... Non tutti possono dirsi pittori, scultori. Perché tanti si dichiarano inopportunamente scrittori?!
Scrivere è mezzo di comunicazione, ma anche prodotto di percorso che obbliga al a dinamiche di approfondimento e integrazione costante.
 
Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
L'amore per la scrittura, il piacere di guardare il mondo poetando.
 
Quale messaggio vuole inviare al lettore?
Troviamo qualsiasi pace in rada, fuggiamo dal caos, mettiamo la pace ai nostri pensieri, scopriamo quel fanciullino di Pascoli che ancora si desta in meraviglia.
 
La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
Ho sempre scritto, sin da giovanissimo. Con alcuni amici giravamo il Cilento per raccogliere testimonianze sulla tradizione orale e popolare. Il "raccolto" costituiva il contenuto delle nostre pubblicazioni. Scrivevo già i miei primi articoli alle superiori, collaboravo per varie testate locali.
 
C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
Si, ci sono, ma del tutto personali...
 
Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
Ma noooo, ci mancherebbe...Non lascio mai le cose a metà.
 
Il suo autore del passato preferito?
Amo la letteratura e la filosofia di ogni tempo... Tutti, senza esclusione, anche i più impegnativi e i più scomodi...
 
Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Ben venga, ma già si leggeva poco e male nelle nostre scuole.... È sicuramente una buona cosa per i non vedenti, ma non per chi ha la fortuna della vista e potrebbe migliorare le sue qualità di lettura.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)