Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

18 Mag
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Claudia Ticci -

Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
La scrittura poetica è libera, promuove il linguaggio interiore. Scrivere poesie secondo me è come fare tante foto, metterle nell’album, condividerle e commentarle insieme.
 
Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Tanti dei miei testi attingono alla mia vita reale, altri a pensieri spirituali, altri ancora affrontano specifiche tematiche.
 
Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Scrivere questo libro è stato come comporre un puzzle, ogni poesia è un piccolo tassello di vita.
 
La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
Il titolo del libro è stato scelto direttamente dai miei testi, sono loro che me lo hanno indicato.
 
In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Porterei con me i libri del grande scrittore satirico Michail Bulgakov, in particolare “Il maestro e margherita”, poi quelli di Ignazio Silone, con il suo linguaggio semplice pieno di ideali di libertà e solidarietà, senza compromessi e ideologie precostituite; infine porterei gli scritti di un poeta dei nostri giorni Franco Arminio, un’altra persona che porta in luce valori semplici e chiama alla condivisione.
 
Ebook o cartaceo?
Hanno valenza entrambi.
 
Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittrice?
Scrivo solo quando ne sento la necessità, a volte una poesia matura in anni, rare volte in minuti.
 
Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
L’idea del libro è nata dalla volontà di comunicare al meglio e a mio modo ciò che per me è importante e che sento di condividere.
 
Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
È una bella sensazione, comporta responsabilità verso gli altri, ma mi piace.
 
Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
La prima persona è stato mio marito, incline alle arti ed obbiettivo nei giudizi.
 
Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Penso sia il futuro della poesia, dare voce alla scrittura è piacevole e comodo per l’ascoltatore, suscita coinvolgimento emotivo e ne facilita l’interpretazione personale.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)