Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

09 Feb
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Aldo Guerrieri -

Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono nato a La Spezia, ho vissuto in altre province italiane e in Romania per lavoro, ho iniziato a fare spettacoli di mimo e teatro nelle scuole nei Carceri e Minorili, teatri, case di riposo, piazze, non pensando mai di diventare capace di andare in scena visto che ero molto timido e infatti cominciai a scrivere dopo l'università (Pedagogia) con una tesi sul Mimo come strumento didattico. Lo scrivere mi aiutava ad esternare quelle emozioni che non riuscivo a trovare con le parole. Non ci pensavo per nulla a diventare uno che scriveva ma nel farle leggere mi dissero che erano particolari un po’ arcaiche. Dal 1982 ad oggi conservo i vecchi notes e alcune erano già presenti giuste profetiche da allora.
Il primo libro infatti comprende le seguenti sia le prime che i testi teatrali degli spettacoli degli anni 1982/1989
 
Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Non c'è un momento preciso della giornata in cui dedicarmi a scrivere perché seguo le emozioni e scrivo con la musica e poi deve ispirarmi dopo correggo non voglio pensare alla forma ma viverla con la presenza della Musica.
 
Il suo autore contemporaneo preferito?
Charles Bukowski
 
Perché è nata la sua opera?
Senza una intenzione iniziale ma l’amore e la follia con il donarsi a qualcuno crea una forza non da poco le conseguenze del nostro tempo dove le persone rischiano di perdere l'umanità il bisogno del desiderio.
 
Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Le esperienze personali e poi professionali sono sempre state accompagnate dal proprio vissuto che spesso non sono facili da vivere ma raggiunte dallo scrivere.
 
Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Scrivere è un modo per raccontare la verità la realtà
 
Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
A volte è autobiografico spesso invece è una scrittura interiore
 
C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Mi ha ispirato in alcuni momenti questa simpatica sito di malessere sociale
E i dipinti di Paola Gaspari di cui uno è la copertina
 
A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
A Paola Gaspari
 
Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
È un progetto innovativo ma preferisco il libro che lo senti in mano
 
Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Potrebbe essere interessante

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 09 Febbraio 2022 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)