Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

26 Ott
Vota questo articolo
(3 Voti)

Intervista all'autore - Luca Romiti

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Scrivere mi ha permesso di liberare la mente; troppo spesso il pensiero è soffocato dal silenzio e dall’ipocrisia di chi non vuole ascoltare. Non scrivo molto: ho iniziato, come tanti, da ragazzino, con alcune poesie e qualche canzonetta. Raccontavo e sognavo l’amore, ma in alcuni testi ero molto critico verso la nostra società che vedevo, forse ancora oggi, troppo lontana dai miei valori di vita. Quali emozioni nello scrivere? Beh…Passione e determinazione nel raccontare, con questo romanzo, la vita di uno qualunque, quella di Marco, che un mattino di qualche anno fa ho incontrato nel guardarmi allo specchio.
 
2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
È la vita di uno qualunque, quindi, potrebbe essere reale per me come per molte altre persone che popolano il nostro mondo!
 
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Scrivere questo romanzo mi ha dato la possibilità di dare voce a donne e uomini che, tutti i giorni, sono delusi e traditi dalle falsità e dall’egoismo, subdolamente presenti nel nostro essere “umani”.
 
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
Essendo un romanzo che parla di un personaggio che vive la quotidianità come molti di noi, direi che non ho avuto difficoltà nello scegliere il titolo.
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Porterei Robinson Crusoe per rimanere in tema con la situazione e per prendere qualche spunto per sopravvivere in un’isola deserta!
 
6. Ebook o cartaceo?
Cartaceo! Adoro l’odore della carta dei libri. Tuttavia, anche in formato digitale può essere utile in certe situazioni.
 
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Nessuna ambizione per diventare uno scrittore di carriera. Mi sono deciso a scrivere solo perché volevo trasmettere un massaggio di ottimismo a tutti coloro che, quotidianamente, vivono una esperienza di vita come quella del nostro personaggio Marco.
 
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Questo libro nasce in un periodo particolare della mia vita. È stato uno sfogo e una liberazione per non finire nella disperazione di chi deve, inesorabilmente, rimboccarsi le maniche per ripartire a testa alta. Una mattina, mentre stavo controllando allo specchio l’avanzamento della squadriglia di rughe e barba bianca, vidi riflesso un altro uomo che, senza troppi indugi, cominciò a raccontarsi. Il suo parlare da saggio fu per me come un flash di luce intensa, ma anche il momento in cui decisi di prendere carta, penna e calamaio e cominciare a scrivere questo romanzo.
 
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
È una grande soddisfazione personale anche perché mi definisco, scherzosamente, un grande troglodita con la clava in mano. Sono molto contento di essere riuscito a concludere il romanzo e vederlo poi diventare un VERO libro. Cribbio!... per dirla con una sola espressione.
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Beh, più che una persona direi molte persone. Amici, familiari e conoscenti: tutti hanno avuto la pazienza di seguire, passo dopo passo, la nascita di questo romanzo. Potrà sembrare strano ma tutti mi hanno incoraggio nel proseguire questa avventura di scrittore “neofita”.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Onestamente non saprei. Forse è una opportunità soprattutto per chi non ha o non trova il tempo di leggere un libro cartaceo e con un paio di cuffiette può ascoltare la narrazione di un buon libro facendo altro...personalmente preferisco un libro cartaceo, mi trasmette molte emozioni.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


1 COMMENTO

  • Link al commento Ros inviato da Ros

    Bellissima intervista e un bellissimo libro complimenti.

    Domenica, 31 Ottobre 2021 11:25

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)