Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

02 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Nino Capobianco

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono uno psicologo clinico – psicoterapeuta - therapy trainer e sin da ragazzo sono stato un attento e appassionato cultore delle tradizioni popolari.
Sono nato e risiedo a Fragneto Monforte (BN), dove appunto nel tempo libero, rispetto alla sua attività professionale che svolgo a Benevento, ancora dedico, come già dagli anni ‘70, le mie attenzioni alle Arti e Tradizioni Popolari, in seno al gruppo folk La Takkarata - nuova generazione, che è anche Centro Studi di Arti e Tradizioni Popolari, di cui sono stato promotore e fondatore in quegli anni insieme ad altri appassionati. Nel 2019 ne abbiamo festeggiato il 50° di attività.

Ho ricoperto incarichi, in ambito comunale, per la Biblioteca Comunale, la Pro loco Fragnetana, il Museo civico delle Arti e Tradizioni Popolari.
Nell’ambito della mia attività professionale collaboro a riviste e ricerche scientifiche, relative alla Clinica Adulti ed a vari progetti di Aziende riguardo alla psicologia del Lavoro; mi auspico di poter continuare ad operare costruttivamente, nei più delicati settori della vita sociale, trattando problematiche psicologiche e scientifiche anche in trasmissioni radiofoniche e televisive locali, oltre che partecipare, come relatore, a convegni e seminari.
Diciamo che "scrittore" lo sono sempre stato in funzione di ricerche storiche locali trasferendole in riviste periodiche, da me curate, presso la mia comunità fragnetana; lo sono anche per i miei resoconti a convegni nazionali e internazionali per quanto riguarda la mia attività professionale (Ansia - Fobie - Attacchi di Panico - Cefalee - Stress Lavoro correlato etc...)
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Appena ho un po’ di tempo libero dalle mie attività professionali, primo mattino - tarda sera - centro giornata - quasi giornalmente dedico attenzione alle mie ricerche sulla storia e le tradizioni popolari, sugli usi e costumi locali, sul dialetto e i cammini devozionali e storico escursionistici
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Mi piacciono i classici scrittori veristi (Verga - Serao - Deledda) - scrittore contemporaneo, Camilleri.
 
4. Perché è nata la sua opera?
Essendo appassionato di tradizioni popolari, sin dall'età giovanile mi sono impegnato in ricerche di settore a livello locale; per cui, lungo gli anni, ho potuto raccogliere tutti i dati possibili riferiti alla memoria storica e all'ambiente vitale della comunità fragnetana, sempre con l'intimo desiderio di poterle poi pubblicare. E finalmente oggi il sogno si è realizzato!
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Proprio perché parliamo di "ambiente vitale" credo che il contesto sociale abbia influito moltissimo.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
A volte "scrivere è una evasione della realtà": ci si rifugia nei desideri inespressi, le aspirazioni inappagate; ma nella maggior parte delle circostanze è un modo per raccontare la realtà.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Molto - davvero molto - soprattutto per quanto attiene la seconda parte dedicata al gruppo la Takkarata per le esperienze condivise con molte generazioni per 50 anni e il suo motto strutturato negli anni "pén' semp', mort' mai", la dice tutta riguardo a impegno, coinvolgimento, emozioni, ricordi, affetti e sofferenze; ma anche in riferimento alla seconda appendice nella quarta parte della monografia riguardante il dialetto fragnetano, con la trascrizione in vernacolo da me strutturata e auspicata come metodologia.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Non direi - a fine lavoro l'ho dedicata a mia sorella, supporto e stimolo in ricordo dei miei genitori Angelo e Rosaria.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Questo volume di ricerca l'ho fatto leggere ai miei attuali collaboratori del gruppo La Takkarata e in primis agli amici di elevata personalità che mi hanno dedicato riflessioni e giudizi, citati in apertura del volume.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Credo proprio di sì.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Ottima operazione - in pratica si rivela una sintesi che l'attuale tecnologia consente per una più completa osservazione.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Lunedì, 02 Agosto 2021 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)