Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

06 Feb
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Giuseppe Francaviglia

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Ho studiato a Catania, dove mi sono laureato in lettere. Successivamente son stato in Val Camonica e ho cominciato ad insegnare, quindi a Roma, dove all'insegnamento in materie letterarie alternavo lo studio in psicologia per l'interesse che ha suscitato in me la psicanalisi di Freud. A Roma sono stato affascinato dalla bellezza artistica, per cui ho visitato i vari musei, le chiese ed i siti archeologici. Ho partecipato a vari convegni, che mi hanno arricchito culturalmente e mi hanno spinto ad appuntare ogni cosa che mi appassionava.
A Roma ho conseguito la laurea in Psicologia, in seguito alla quale ho lavorato nelle scuole come consulente psicopedagogico.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Il pomeriggio.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Camilleri per la profondità dei suoi personaggi.
 
4. Perché è nata la sua opera?
Perché sentivo il bisogno di mettere a punto le mie conoscenze derivanti sia dalla lettura dei classici greco-latini che dai testi di Freud e Jung. Inoltre ho avvertito il bisogno di ripercorrere le esperienze che ho vissuto nella scuola in qualità di consulente psicopedagogico, nel corso delle quali ho elaborato con i ragazzi degli psicodrammi atti a rinforzarli nell'autostima, riferendomi in particolare al coinvolgimento ed al recupero degli elementi più svantaggiati.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Molto.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Un modo per ordinare gli appunti raccolti durante la mia partecipazione a convegni, ad organizzare sinteticamente le osservazioni e lo studio dei testi classici, elaborati nelle giornate di studio.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Molto, soprattutto la passione per gli autori greco-latini e l'esperienza maturata durante la mia attività di psicopedagogista.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
No.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
A mia moglie.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Purtroppo, sì.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Serve ai non vedenti.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


7 COMMENTI

  • Link al commento Luigina Cuda inviato da Luigina Cuda

    il testo, nella sua brevità, denota una profondità culturale classica. La sua lettura è piacevole sia per l'a fluidità dello stile che per l'originalità dei contenuti del mondo antico

    Martedì, 02 Marzo 2021 20:01
  • Link al commento Luigina Cuda inviato da Luigina Cuda

    il testo, nella sua brevità, denota una profondità culturale classica. La sua lettura è piacevole sia per l'a fluidità dello stile che per l'originalità dei contenuti del mondo antico

    Martedì, 02 Marzo 2021 20:01
  • Link al commento Luigina inviato da Luigina

    Il testo, nella sua brevità, denota una profondità culturale classica. La sua lettura è piacevole sia per la fluidità dello stile che per l'originalità dei contenuti propri del mondo antico. Durante la lettura, al conoscitore della classicità, riaffiorano nella mente tanti episodi di grande rilevanza e originalità culturale, alcuni dei quali poco conosciuti. Il testo a carattere antologico si presenta idoneo ed agevole ad una lettura scolastica, ma anche utile al lettore che desidera conoscere episodi del mondo classico che trovano rispondenza anche nell'attualità.

    Martedì, 02 Marzo 2021 19:35
  • Link al commento Serena inviato da Serena

    La ricchezza dei richiami mitologici e favolistici s'intreccia con le conoscenze psicologiche nelle quali l'autore dimostra di sapersi destreggiare sapientemente, riuscendo ad offrire una lettura non superficiale e piacevole allo stesso tempo.

    Domenica, 14 Febbraio 2021 18:06
  • Link al commento Luigi e Liliana inviato da Luigi e Liliana

    Interessante analisi del legame tra la molteplicità del mito e della favola con la sfera più recondita della psiche umana.

    Domenica, 14 Febbraio 2021 18:02
  • Link al commento Franco inviato da Franco

    Ho appena fatto conoscenza del tuo link e letto l'intervista.Congratulazione PIÙ in la mi spieghi le potenzialita' del link.Arrivederci.

    Mercoledì, 10 Febbraio 2021 08:23
  • Link al commento giuseppe francaviglia inviato da giuseppe francaviglia

    Questa intervista aiuta il lettore a capire il messaggio del libro

    Domenica, 07 Febbraio 2021 08:05

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)