Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

18 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Jessica Piras

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono nata in provincia di Milano 40 anni fa. Da sempre orientata verso il prossimo: alle superiori ho intrapreso studi di tipo umanistico/sociale frequentando il liceo socio-psico-pedagogico, mentre poi ho conseguito il Diploma per Infermiere presso la facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università dell'Insubria di Varese nel 2003.
Questo è stato il punto di partenza.
Negli anni successivi affiancando all'esperienza lavorativa agli studi accademici ho avuto modi di testare ciò che a mio parere sono le carenze informative ed organizzative della nostra realtà.
Da qui l'idea di scrivere questa guida in-formativa.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Sicuramente il momento più tranquillo da dedicare alla lettura ed alla scrittura sono le ore serali: quando tutto tace e ci sono minori distrazioni.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
A dire la verità non ho un autore preferito; i libri che amo leggere per rilassarmi sono quelli noir o gialli.
Nell'ultimo periodo mi stanno appassionando anche le biografie.
 
4. Perché è nata la sua opera?
L'opera ha un fine pratico per le famiglie che hanno al loro interno una persona fragile.
Ciò lo si può dedurre anche dal carattere agevole e dal linguaggio semplice e diretto.
Pensavo da tempo di scrivere, ma ho colto l'occasione di concretizzare il progetto per donarlo a mia madre in occasione del suo sessantesimo compleanno.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Moltissimo.
Non solo il contesto lavorativo, ma anche soprattutto le esperienze di vita quotidiana e familiare.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Dipende dal libro e dall'autore.
Nel mio caso scrivere di questo argomento è stato fotografare la realtà, analizzarla con perizia e capire i punti di intervento.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Molto, direi.
Non solo nel contenuto, ma anche nello stile: semplice, pratico ed efficace.
Questo manoscritto vuole essere, infatti, uno strumento semplice e fruibile; una guida per coloro che decidono di intraprendere il caregivering.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
La mia famiglia mi ha spronato nel cercare di pubblicare.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
La prima copia in assoluto l'ho regalata a mia madre per il suo sessantesimo compleanno - un regalo originale e a dir poco inusuale.
Un'altra copia ad un'amica psicologa che opera nell'ambito della disabilità giovanile, per avere un parere più tecnico sull'effettiva utilità dell'opera.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
A mio parere l'ebook, soprattutto per le nuove generazioni, ha già preso il posto del classico formato cartaceo.
Ma per chi è più della mia generazione la carta ha ancora un certo fascino!
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Sicuramente è un formato comodo, avvincente con grandi potenzialità!
Puoi rilassarti ad occhi chiusi ed immaginare i particolari della storia, i personaggi e gli ambienti. Fruibile dai più piccoli che possono ascoltare senza necessariamente saper leggere o dai più anziani che hanno problemi di vista.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)