Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

19 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Ferdinando Del Gaudio


1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Nella mia vecchia casa c'era sempre stato un'aura di silenzio e particolare attenzione alla cultura ed io ho cominciato a scrivere e poi leggere prima ancora che andassi all'asilo, facendo riassuntini dei cartoni che davano alla TV.
Mio padre premeva molto sulla mia indole di scrittore in erba e chiamava a raccolta i suoi amici professori mentre mi cimentavo a scrivere con inaspettata armonia metrica gli argomenti che loro mi suggerivano.
Ho frequentato il liceo scientifico, dopo lezioni di greco (non in lingua) da mio padre che mi sceglieva i libri durante l'infanzia, e da semi autodidatta ho studiato la migliore letteratura occidentale e oltre. Poi ho vissuto... e durante l'università ho dato spazio al tempo della maledizione poetica con Laurea finale nel 2007. La figura che più ha influito sulla mia adolescenza e che mi ha convertito nella definitiva propensione letteraria è stato James Douglas Morrison guardando il film "The Doors" a 16 anni. Ho sempre giocato a calcio fino ai 19 anni poi dopo un gol che fece vincere la mia squadra senza esultare capii che quel mondo non faceva per me e alle insistenze del Mister mostrai a lui una Marlboro e lasciai il calcio.
Scrivevo taccuini, quaderni, poesie sparse che fruttavano anche qualche soldino, ma papà si era fatto anziano e fra noi c'erano 50 anni di differenza e nonostante una casa editrice di siciliana puntasse su un mio dattiloscritto surreale non ebbi il consenso.
Passano gli anni e non avevo la connessione internet e mi collegavo ai social presso strutture comunali fino ad approdare alla politica che subito rigettai nonostante la stima di molti, e finalmente do alle stampe il mio primo libro, il doppio poemetto "L'Utopia Concreta/'Mparaviso pe scagno”.
Il sopraggiungere dei malanni di mamma e papà mi fa dimenticare il mio futuro e la mia vita e non li lascerò fino alla loro morte.
Il mio unico fratello era un enigma per me e lo è tuttora.
Mi trasferisco in una casa alloggio per lo shock e riesco ad ottenere una pensione di invalidità che mi permette grazie all'aiuto della struttura "L'Abbraccio" riesco con la riabilitazione a prendere sempre più coscienza di me e pubblico a mie spese un romanzo fatto da componimenti poetici dal titolo "La Follia Le polemiche La Luce".

 

2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
D'Amore d'Italia è stato scritto in due giorni.


 

3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Alessandro D'Avenia.


 

4. Perché è nata la sua opera?
Dal desiderio di ritornare ai classici e al senso di normalità non priva di originalità.


 

5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Moltissimo; nel bene e nel male.


 

6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
È un modo per raccontare la realtà ad arte.


 

7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
C'è la mia sensibilità nell'affrontare il mio quotidiano attraverso i classici nel periodo più buio del terzo millennio.


 

8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Tutte le persone che mi circondano hanno influito sul mio pensiero letterario, ma credo sia normale.


 

9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
A nessuno.


 

10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Culture e generazioni, più che altro abitudini.


 

11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Molto interessante.


 

 

 

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)