Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

28 Ott
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Domenico Parillo

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
La mia vita è stata segnata sempre da un sentiero sconosciuto che ho dovuto seguire, negandomi la mia più grande passione: il canto. Un giorno dopo tante esperienze fatte, mi viene in mente di provare a scrivere una poesia. Al fine di conoscere il valore della poesia chiesi il parere di alcuni amici, i quali mi incoraggiarono a fare la pubblicazione. Nel breve periodo, così, seguendo la mia ispirazione, scrissi un centinaio di canzoni e poesie.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Nessun momento. Quando mi viene l’ispirazione.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Non ho autori contemporanei preferiti, così come non ho mai preso un dizionario per scrivere una poesia.
 
4. Perché è nata la sua opera?
A questa domanda ho già risposto al punto 1.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Il contesto sociale ha influito tutto nella mia formazione, potrei, ad esempio, citare poesie come la società, i giovani, grida dalla società etc, etc, etc., dove si percepisce tale influenza.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Per me, l'ispirazione è legata alla realtà che mi circonda ad es. conoscere un fatto, un accadimento che mi colpisce può darmi l'ispirazione a scrivere la verità e per me 'verità' è la poesia.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
In ciò che scrivo v'è tutto l'amore che ho verso la poesia.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Sì: Dio! Non avendo potuto fare il cantante Dio mi ha donato la musicalità che è la melodia delle parole.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Ho già risposto al punto 1.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Il futuro della scrittura è e sarà credo, online però non dimentichiamo che l'uomo ha pensato la tecnologia e la tecnologia fa pensare l'uomo.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Io penso che oggi e domani sarà dell'audiolibro. penso anche che noi italiani dovremmo dare più peso alla nostra identità e anche nell'uso delle parole. Mi riferisco in primis a quei politici che parlano in inglese, un modo per non fare capire niente, un linguaggio per pochi, trascurano i nostri usi, costumi, tradizioni della nostra civiltà. Tutto ciò viene chiamato mondo globalizzato. (Leggasi le mie poesie: futuro, primavera, progresso, indifferenza, o' munn cagne, i sapientoni, tutti già poeti ...l'ignoranza etc, etc, etc.
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)