Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

06 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Vincenzo Cirneco

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Mi sono diplomato a Bari e nello stesso anno, seguendo il lavoro di mio padre, ci siamo trasferiti a Torino.
Ho sempre scritto qualcosa, sin da adolescente, specie nelle varie rappresentazioni teatrali in parrocchia e fuori.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Non c'è un momento particolare!
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
È senza dubbio Umberto Eco.
Ho conosciuto Eco quando, in seconda elementare, sul nostro libro di lettura ho letto e riletto la storia dove un monaco insegnava al suo giovane chierico, come si faceva a conoscere lo stato di un cavallo, studiando il terreno e la flora spontanea nei suoi pressi, da dove l'animale era transitato. Mi sono ritrovato a rileggere quelle stesse parole, che ricordavo bene, verso la fine dei 30 anni nelle prime pagine del "Il nome della rosa"...
In 2° elementare, senza saperlo, avevo letto (e ricordato in seguito), un racconto giovanile di Umberto Eco, che lo stesso aveva in seguito, inserito nella sua opera capolavoro...
 
4. Perché è nata la sua opera?
Non vi è un motivo particolare: è nata perché una serie di 'trip' avevano consegnato alla mia mente una bella storia, completata da un certo mio vissuto e da certi personaggi particolari da me incontrati e frequentati. Nulla di autobiografico, però.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Molto, in quanto in casa, da noi, si leggeva molto, grazie all'intelligenza di mio padre che ci comperava libri a getto continuo sinché noi (io e i miei due fratelli) eravamo piccoli e poi, crescendo, abbiamo continuato a comperarceli noi, a basso costo, di seconda e terza mano.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
È, con molta probabilità, un modo di raccontare la realtà che si vorrebbe...
E, continuando a esprimere il concetto, una probabilità, forse inconscia, di raccontare una realtà che si vorrebbe... vivessero gli altri, cioè i lettori.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Qualcosa, certamente.
Nulla, però, che possa modificare o alterare il contesto scritto nella sua linearità.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Non in particolare.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Ho n° 5 critici che mi conoscono bene ai quali propongo la bozza dei miei romanzi.
Loro sanno di dover essere spietati nelle critiche a quanto leggono di mio.
Io faccio tesoro delle loro critiche.
Sinora la cosa ha funzionato egregiamente.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Credo di no! Chi ama leggere, ama fisicamente e non virtualmente, i libri.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
No comment.
Sinora in audio o e-book, ho letto solo le bozze da correggere, dei miei scritti.
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)