Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

02 Lug
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Martin Maiuri

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Vivo a Marino, una cittadina in provincia di Roma, per la maggior parte dell'anno, mentre l'estate la trascorro a Rogoznica, l'isola croata di mia madre. Ho sempre letto tanto, e ho sempre avuto la passione per la scrittura. I primi tentativi (malriusciti) risalgono agli anni delle elementari, ma il momento in cui ho deciso che mi sarei impegnato a diventare scrittore è stato quando, in prima media, sono arrivato secondo ad un concorso letterario.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Qualsiasi momento in cui mi sento ispirato va bene, spesso lascio da parte le altre cose che dovrei fare, come i compiti. Accendo la musica e apro word. Parto da una singola frase che mi piace, che penso suoni bene, e poi il racconto viene da sé.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Non ne ho uno preferito, leggo tutto. Se dovessi indicarne qualcuno i cui libri sono stati importanti per me direi sicuramente Hosseini e Mazzantini. Gli autori che leggo di più però sono quelli del realismo russo, Dostoevskij in particolare.
 
4. Perché è nata la sua opera?
Nell'estate del 2019 mi trovavo a casa di mia nonna in un giorno di pioggia. Non si poteva uscire e mi annoiavo, così ho preso in mano il telefono e ho aperto word. Ho cominciato a scrivere una specie di reinterpretazione di un libro che avevo letto, ambientata ad inizio '900. Dopo di che, sulla scia di quello, mi sono venuti in mente tre racconti - non reinterpretazioni. Alla fine ne sono uscite fuori le bozze di quelli che, dopo mille revisioni e correzioni, sarebbero stati "Partigiano", "Regalo" e "Anna". Avevano tutti in comune una cosa: erano ambientati nel '900. Da qui l'idea di raccoglierli tutti nello stesso libro.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Tanto. La mia casa è stata sempre piena di libri, e anche i miei genitori sono grandi lettori. Credo che la passione me l'abbiano trasmessa loro.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Entrambi. Mi piace evadere dalla realtà raccontandola, spesso è l'unico modo in cui riesco a esprimermi. Tutti i miei racconti infatti hanno una componente di realismo e una di finzione.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Tanto. Il libro nasce dalla voglia di raccontarmi, di prendere posizione e testimoniare contro gli orrori dei regimi dittatoriali, dei crimini e dell'emarginazione. Crescendo mi hanno parlato tanto della guerra - soprattutto quella dell'ex Jugoslavia e ora, a scuola, della Seconda Guerra Mondiale - e ho sempre potuto vedere con i miei occhi quali fossero gli effetti a lungo termine di una cosa così grande e ingiusta.
La voglia di riscatto contro le discriminazioni e l'emarginazione nasce dal fatto che sono trans. Questo, pochi lo vedono, ma porta a crescere sentendosi sbagliati, di doversi vergognare e nascondere. Non fa bene, perché così i giovani e le giovani trans non imparano mai ad amarsi. Per questo i tassi di suicidio e depressione fra i transessuali sono così alti. Ho voluto raccontare questa storia, la mia storia, nel sesto racconto ("Diario di un'hippie"), e interpretare a modo mio, ma sempre fedelmente alla realtà, il momento in cui le persone come me hanno iniziato la lotta per la liberazione, che ancora infuria e di cui voglio fare parte.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
Per quanto riguarda le informazioni e l'ispirazione la mia famiglia e i professori di storia che ho e ho avuto. Per quanto riguarda il supporto e i mezzi ancora una volta la mia famiglia e i miei amici.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
A mia madre. Lei l'ha letto quando era ancora un sogno.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Non saprei, so solo che spero ci sia un futuro per la scrittura. Le persone, non solo i giovani, leggono sempre meno e spesso vedono la spesa per un libro cartaceo come uno spreco. Forse, muovendoci verso il formato digitale, i libri potrebbero riacquistare il loro valore: sono più accessibili, economicamente e materialmente visto che tutti ormai possiedono uno smartphone.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Come per l'Ebook, qualsiasi idea è buona se volta a rendere il mondo della letteratura più vicino all'uomo comune.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 


Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)