Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

18 Giu
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Michela Monni

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nata e cresciuta?
Sono nata a Burcei, un piccolo paese in provincia di Cagliari.
Il paese è incastonato come una pietra preziosa, nelle montagne più alte del Campidano. Gode di un panorama stupendo al tramonto quando il cielo si tinge di rosa e arancio, e alla sera quando si accendono le luci della Città di Cagliari che si affaccia sul mare.
Fino all'età di 15 anni sono cresciuta in paese con la mia famiglia, poi è successo qualcosa di magico.
Vista la mia intraprendenza, i miei genitori, seppur a malincuore hanno assecondato il mio desiderio di crescita ed emancipazione, permettendomi di fare un'esperienza lavorativa e formativa presso una famiglia di Cagliari, come ragazza alla pari e baby sitter.
Quell'esperienza è stata davvero incredibile per una ragazzina come me, avendo raggiunto l'indipendenza economica dalla mia famiglia d'origine in poco tempo.
Contrariamente all'idea di mio padre, ho iniziato a frequentare il Liceo, luogo in cui ho conosciuto il ragazzo dei miei sogni, che poi è diventato mio marito anni più tardi.
Il paese è ancora oggi, nonostante 24 anni di assenza, un luogo dove mi sento a casa.
 
2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
Il libro che ha cambiato la mia vita, è stato “The Secret” di Rhonda Byrne.
Consiglio la lettura e la visione del film a tutti gli adolescenti, affinché possano alimentare le loro speranze, i loro sogni e costruire la loro vita sulla base del desiderio di poter realizzare tutto ciò che riescono ad immaginare.
Quando ci sono arrivata a 30 anni, ho capito che tutto ciò che ho realizzato nella mia vita, è stato grazie ai principi della legge di attrazione, anche se in realtà non lo sapevo.
Certamente se lo avessi scoperto a 15 anni avrei affrontato le mie esperienze con una maggior consapevolezza traendo il massimo dei benefici.
Tuttavia mi sento una persona molto fortunata, perché ho realizzato tutti i miei più grandi desideri.
 
3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?
Sotto alcuni aspetti il cartaceo ha il suo fascino.
Tenere in mano un libro, sentire il rumore delle pagine, la consistenza della carta, il profumo che sprigiona un libro chiuso da tanto tempo, ecco lo trovo emozionante.
D'altro canto l'eBook ha rivoluzionato l'idea di accumulo e uso di carta, meno polvere nelle librerie, risparmio di spazio nelle mensole.
Anche se credo che l'eBook non potrà mai sostituire l'emozione di tenere un cartaceo tra le mani, trovo sia una valida alternativa culturale.
 
4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
Sono nata negli anni ‘80 quando non c'erano i telefoni cellulari e non si mandavano e-mail.
Fin da piccola utilizzavo un diario in cui mi divertivo a raccontare le mie giornate al mio amico immaginario, si chiamava Jo.
Con la mia amica d'infanzia tenevamo un quaderno che a giorni alterni ci scambiavamo con dentro i nostri segreti, le nostre pianificazioni per le uscite e le avventure che ci aspettavano.
E poi le lettere, d'amore, d'amicizia, di corrispondenza scolastica.
E ancora i temi, le insegnanti mi consideravano una bambina molto "fantasiosa", andavo spesso fuori tema, perché con la fantasia non mi mettevo limiti.
Lo considero dunque un Amore coltivato e ponderato.
 
5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
Sono passati 7 anni dal momento in cui ho iniziato a scrivere questo Libro, non ricordo onestamente com'è successo.
So però, che ero motivata e ispirata dal tema.
Durante un seminario di crescita personale, ebbi l'idea di realizzare un bracciale che avrebbe permesso a chi lo indossava di recitare in qualunque momento della giornata il mantra Ho'oponopono.
Per poter capire i benefici del Mantra, sarebbe stata necessaria una guida, seppur piccola, dove venivano spiegate le caratteristiche del bracciale, e come utilizzarlo al meglio.
Ecco che ho iniziato a scrivere.
In una settimana di lavoro totale, alla fine l'ho letto e riletto,
per poi conservarlo finché ho deciso di iniziare la ricerca di un editore.
 
6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?
Se hai deciso di leggere questo libro, oltre che con gli occhi e la mente ti suggerisco di leggerlo col cuore.
Ho'oponopono è un mantra magico che può cambiare la tua vita in meglio in pochissimo tempo.
 
7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
Seppur amassi scrivere non avrei mai immaginato di pubblicare un libro.
Devo dire che anche qui sono stata molto Fortunata perchè ho trovato un editore che mi ha dato fiducia.
Ho avuto una precedente pubblicazione autobiografica all'interno della rassegna Fermati Vivi Macro edizioni.
Penso che ad alcune persone possa far piacere leggere le mie storie e quindi ho deciso che continuerò finchè avrò esperienze da condividere.
 
8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
Ricordo che quando iniziai, mi dedicai esclusivamente a scrivere, come fosse quasi una missione, concentrando tutte le mie energie e il mio tempo a questo progetto.
Volevo che il messaggio arrivasse chiaro, semplice e immediato.
Questa esperienza ha rafforzato la teoria del "Quando desidero fermamente una determinata cosa, se mi concentro anima e cuore, la ottengo! Senza Se e senza Ma"
 
9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
Bhe il mio è un libro piccolo anzi piccolissimo
quindi l'ho terminato in tempi brevi.
Piuttosto come dicevo, non avrei pensato di vederlo pubblicato.
Questa è la soddisfazione più grande :-)
 
10. Il suo autore del passato preferito?
Già dal liceo adoravo i libri di Freud.
Credo sia stato il mio primo vero amore verso I misteri del potenziale della mente umana
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Penso che L'audiolibro è uno strumento meraviglioso sopratutto per due categorie di persone:
coloro che Non possono leggere, per problemi alla vista
coloro che non riescono a trovare il tempo per leggere
Personalmente mi avvalgo dell'audiolibro durante la guida.
Per il mio lavoro trascorro molto tempo in auto, ascoltare chi con una voce piacevole e intonata legge un libro per me, credo sia un bellissimo dono per il mio Tempo!

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

 
Giovedì, 18 Giugno 2020 | di @BookSprint Edizioni

2 COMMENTI

  • Link al commento Antonella Cabiddu inviato da Antonella Cabiddu

    Brava Miky,
    Sempre fascinosa nel tuo parlare!!

    Venerdì, 19 Giugno 2020 14:58
  • Link al commento valeria bonomo inviato da valeria bonomo

    Inutile dire che sei una grande donna ed un'amica unica. I nostri percorsi si sono riuniti dopo le scuole e ci sarà un motivo ❤️ non vedo l'ora di leggere la tua meraviglia perché siamo nella stessa lunghezza d'onda. Congratulazioni.

    Giovedì, 18 Giugno 2020 21:12

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)