Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

04 Giu
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Janfer Critelli

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono nato in una piccola provincia "sperduta" dell'Amata Calabria ma con significative esperienze Umane e professionali in diverse parti..., all'insegna dei miei motti preferiti: Volli, fortissimamente volli.. (Vittorio Alfieri), Progredi regredi est. (Sant'Agostino), fate l'amore e non la guerra..... Per l'effetto, provengo da una umile famiglia Cristiana che mi ha insegnato i veri valori di Vita: Amicizia, Amore, Dignità, Verità, Umiltà e Solidarietà soprattutto verso i bisognosi.

La passione per la scrittura è una virtù innata, coltivata fin dalla tenerissima età, "ove poetavo sotto le stelle in riva al mare, anche nelle poetiche campagne e/o decantavo l'amata natura e/o dedicavo poesie d'amore ai miei primi amori primaverili... Tramite la scrittura Oratoria, come Obiettore di coscienza dichiarato e Battagliero Legalista, con cuore sincero ed aperto, cerco sempre di demandare i miei ispirati messaggi a Livello Mondiale, per un mondo più giusto, per la Rinascita dei Diritti Umani, senza violenze né guerre! Sic! Il tutto, per l'invocata ed augurata Nuova Alba di primavera... nel trionfo dell'Amore...
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
In qualsiasi momento in cui mi sopraggiunge l'ispirazione come Dono... ricevuto dal Signore della Vita...
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
In primis Janfer.... e tanti altri... per l'effetto, in un palcoscenico mondiale senza meritocrazia, esistono diversi talenti "illustri sconosciuti" che in vita non hanno la fortuna "come variabile positiva" dell'affermazione che giustamente meriterebbero... Sul punto la Storia insegna ... che è stato sempre così...
 
4. Perché è nata la sua opera?
Per dire una volta per sempre "BASTA" ad ogni forma di violenza, soprattutto nei confronti delle Donne e dei Bambini! Sic! Di conseguenza, Mi pregio Invocare come sempre, una Nuova Etica di natura Umanistica-Rinascimentale, per un nuovo approccio nel rapporto relazionale amoroso tra una donna ed un maschio, per dire una volta per sempre, STOP agli amori malati che conseguentemente sfociano in violenze inaudite, d'allarme sociale, al pari del Terrorismo! Sic!
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Ha influito molto. Perché la mia "persona" si è fortificata sempre dalle esperienze fenomeniche in una terra tanto culturalmente affascinante, quanto difficile, "con mentalità maledettamente mafiosa", per l'effetto, per dirla alla Divin Poeta (Durante Alighieri), con i miei talenti innati, mi sono, giocoforza districato, in una "selva oscura", sempre con l'arma della Legalità e con la forza del diritto, ripudiando a priori la vita facile e/o compromessi di sorta, scegliendo deliberatamente di volare con le mie ali: del Dio del Bene, Legalità intesa come meritocrazia e Giustizia Giusta... ! Sic!
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Sia l'una che l'altra... che sono complementari...
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Tutto, autenticamente, per come sono.
 
8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?
Tutte le persone che di sicuro non ho citate tutte per motivi di spazio che sono elencate nel mio libro dal Titolo “L'Ira Funesta dell'8 Marzo per una Nuova Alba di primavera", che hanno contribuito come fonte d'ispirazione a tale ennesima fatica Letteraria.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il libro?
Alla Mia Musa prediletta.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Sì. Altresì... sul punto...  Mi pregio aggiungere che oramai nella nostra società... l'Ebook, costituisce non solo il futuro ma anche il presente... e "qui parlerei di scrittura evolutiva", al passo dei nostri tempi, come è giusto che sia, anche se personalmente ho profonda nostalgia del mondo classico di natura cartacea…
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Proficua frontiera...
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 04 Giugno 2020 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)