Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

09 Mar
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Mario Bitetti

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono da poco pensionato. Ho lavorato presso diverse pubbliche amministrazioni. Sono laureato in Scienze Politiche. Sono felicemente sposato, con mia moglie Anna, e con prole: Daniele e Luisa.
Vengo dalla Puglia, dalla murgia barese. Potrei definirmi, concedetemi un pizzico di presunzione o di narcisismo, il cantore della murgia, di Santeramo in Colle, mio paese natìo.
Mi è sempre piaciuto scrivere. Sono diventato scrittore scrivendo una fiaba per ragazzi e poi qualcosa di autobiografico che, per pudore, ho lasciato nel cassetto. Poi ho continuato con diverse opere che, quando mi è capitata l'occasione, ho provveduto a far pubblicare.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Un'ora o due prevalentemente della mattinata. Qualche volta un po’ di tempo del pomeriggio.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Gianrico Carofiglio.
 
4. Perché è nata la sua opera?
Per soddisfare un guizzo della fantasia.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Poco.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Scrivere talvolta è un modo per evadere dalla realtà e che aiuta anche in un processo di autostima. Talvolta serve a denunciare, attraverso storie avvincenti, violenze, discriminazioni, razzismo ed intolleranze.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
L'amore per la giustizia e per la verità.
 
8. C’è qualcuno che si è rivelato fondamentale per la stesura della sua opera?
No. Mi sarebbe piaciuto, ma non è così.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
A nessuno.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Questo sistema avrà il suo spazio ma io tifo svisceratamente per il cartaceo.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
È uno strumento complementare che aiuta la diffusione della lettura ma che, tuttavia, non può soppiantare il dio cartaceo!
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Lunedì, 09 Marzo 2020 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)