Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

23 Ago
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Faustino Neri

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Scrivere è come parlare, come comunicare, come raccontare, come condividere le proprie sensazioni e i propri sentimenti. Scrivere è come vivere.
2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Tutto. Nel libro racconto la mia vita reale, vissuta da me a dai miei familiari, e dalle persone che mi stanno intorno, come protagonisti.
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Sfogarmi. Dire a tante persone tante cose che avrei voluto comunicare con la parola, ma così avrei parlato troppo e se qualcuno mi avesse ascoltato, prima di arrivare in fondo si sarebbe addormentato.
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
Nessun combattimento, ho cominciato a scrivere il libro dopo aver deciso quale sarebbe stato il titolo.
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Se mi trovassi confinato in un'isola deserta, prima di tutto dovrei procurarmi il cibo per sopravvivere e non potrei mangiare il libro che mi sarei portato dietro.
Comunque ne porterei due, perché uno solo non basterebbe a condensare la cultura universale, porterei La Divina Commedia e Le Avventure di Pinocchio.
6. Ebook o cartaceo?
Non lo so.
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
La mia non è una carriera, la carriera di scrittore. Se chi scrive è uno scrittore, allora anch'io sono uno scrittore, e precisamente uno scrittore emergente che ha iniziato a emergere alla verde età di 73 anni. La mia carriera, ora terminata per pensionamento, è stata quella di maestro elementare.
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Questo libro è un romanzo autobiografico che ruota tutto intorno alla mia passata carriera, comprende le fasi della mia vita scolastica, come scolaro sotto il fascismo, come insegnante sotto la Repubblica.
SCUOLA SUSSIDIATA, NON È MAI TROPPO TARDI, LA SCUOLA DEL POSTO DI ASCOLTO TELEVISIVO (P.A.T.); LA SCUOLA MEDIA UNIFICATA.
Tanti aneddoti, spiritosi, intelligenti, ridicoli: leggiamo il libro per vederli scritti e per capirli meglio.
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
Ho provato le stesse emozioni di quando la mia donna mi disse: “Sì, sposiamoci!”
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Non so, dopo di me è stata la editing dell'Editore...
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Dico: non so, e non faccio per cavarmela.
Ritengo tuttavia che uno scrittore non affermato (molto affermato) duri molta fatica a recuperare i costi della trasformazione del proprio libro in audiolibro.
 

 

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 03 Settembre 2019 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)