Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

31 Lug
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Aurora Campagna

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
La scrittura è una vera scoperta per me. Ho cominciato a scrivere questo romanzo per la necessità di raccontare e ricordare a me stessa un episodio penoso della mia vita, ma scrivendo ho scoperto che mi stavo divertendo e che pian piano la sofferenza diventava creatività, dandomi la possibilità di raccontare i miei personaggi, veri o inventati che fossero, con affetto o rabbia a seconda dei casi, e comunque sempre con quella punta di insospettata ironia che mi faceva sorridere o ridere di gusto, a volte, mentre scrivevo.
 
2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Molto, ma il tutto è sempre reinventato in modo verosimile. Sono vere le frasi che mi hanno fatto soffrire e mi hanno profondamente ferita, sono romanzati alcuni episodi e ruoli per renderli più accattivanti.
 
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Una scommessa con me stessa. Volevo vedere se ne ero capace, ma poi è stato il romanzo stesso a prendere il sopravvento, come se volesse scriversi da solo.
 
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
È stato il primo che ho pensato. Mi piaceva il doppio senso insito nel nome della protagonista. Una nuova Alba non è un titolo a caso per un'autrice che si chiama Aurora.
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
I Promessi Sposi. Non mi sono mai sbellicata tanto come al liceo nel leggere le sagaci e ironiche descrizioni manzoniane, e poi penso che in un'isola deserta avrei davvero bisogno di un tomo così grande per trascorrere il tempo.
 
6. Ebook o cartaceo?
Cartaceo. Ovvio. E un paio di occhiali da presbite, se possibile.
 
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Una scrittrice io? No, come già ho detto il romanzo si è scritto da solo.
 
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Una volta ne parlai con un amico e dopo qualche giorno lui mi chiese, con il tono di chi si aspetta una risposta affermativa, se avessi cambiato idea. Fu allora che decisi di iniziare e di vincere questa scommessa con me stessa.
 
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
Nel corso della stesura, incredulità per come la storia pian piano si dipana. Di fronte al proprio nome stampato come autrice, orgoglio e soddisfazione. Infine, davanti a una copertina significativa e sospirata come la mia, autentica commozione.
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Amavo leggerlo personalmente al mio compagno, man mano che scrivevo, e spesso, sapere che mi sarei vista con lui nel weekend, mi dava la carica giusta per finire il capitolo. I due primi lettori dell'opera finita sono stati i miei amati figli. Leggere l'epilogo a tutti e tre insieme davanti a una bella fetta di torta è stato un meraviglioso regalo che mi sono fatta per il mio cinquantaduesimo compleanno.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Fantastico. Finalmente i viaggi appaiono meno lunghi. In qualche modo accorcia le distanze.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 31 Luglio 2019 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)