Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

27 Feb
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Oscar Cervi

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Io provengo da una cittadina di montagna, luogo dove sono nato e dove attualmente vivo: Pavullo nel Frignano in provincia di Modena. Dopo gli anni di studio ho scelto la via del lavoro e già a quattordici anni ho intrapreso il lavoro di cameriere. Verso i quarant'anni per una casualità iniziai a scrivere o almeno tentai di farlo, la cosa mi piacque e da quel momento non smisi più.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Sicuramente non la notte, anche perché col mio lavoro avrei difficoltà a scrivere nelle ore notturne. È il pomeriggio il momento a cui dedico la mia passione.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Come già detto in altre interviste l'autore che preferisco è Dan Brown e a seguire Ken Follet.
 
4. Perché è nata la sua opera?
Sono amante della storia antica, amo le leggende celtiche, faraoniche, templari, quindi anche in questa opera ho miscelato il tutto in un racconto fantastico e paradossalmente assurdo, ma con piccole punte di verità.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Direi molto. Grazie al mio lavoro sono in contatto tutti i giorni con un sacco di persone dai pensieri diversi, quindi non mi è stato difficile formarmi nei vari contesti.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Quando scrivi, specialmente romanzi fantasy, esci letteralmente dal mondo che ti circonda ed entri in un universo tutto tuo fatto di miti, storie e leggende.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Per quanto mi riguarda in quello che scrivo vi è la mia passione per la storia e per un mondo in cui mi sarebbe piaciuto vivere.
 
8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?
Ovviamente l'appoggio morale della famiglia, i tanti lettori e amici che ogni volta comprano i miei libri, il mio amico d'infanzia Gianni Ricci che è sempre presente e Pamela Jica Mezea che quest'anno assieme alla collega Simona Dragonetti hanno lavorato sulle copertine.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Il primo in assoluto lo feci leggere a un altro caro amico d'infanzia, ora storico e scrittore anche lui.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Io spererei di no, per il semplice motivo che il cartaceo ti dà il senso di sfogliare le pagine, ti dà l'odore della carta, e in più è bello quando hai una libreria colma di libri. Con l'ebook non hai tutto questo.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Direi che potrebbe diventare utile per i non vedenti o per chi ha altre patologie particolari.
 
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 27 Febbraio 2019 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)