Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

26 Gen
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Anita Delnista

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?
Sono nata a Pavullo nel Frignano e cresciuta in Val di Luce, una delle più belle località dell'Appennino Tosco Emiliano, una piccola perla delle nostre montagne che mi ha insegnato molto sulla natura e sul rapporto con le persone. Grazie a questo posto fantastico ho avuto un'infanzia libera e spensierata, per gran parte vissuta in mezzo ai boschi; potendomi confrontare ed adeguare con la "solitudine" nei mesi di bassa stagione ed il "caos", inteso nel senso buono, nei mesi di maggior afflusso turistico.
 
2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
"Il piccolo principe".
 
3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?
Libro cartaceo tutta la vita.
L'eBook ci fa perdere un sacco di sensazioni che solo l'avere il libro in mano ci dà.
 
4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
Direi colpo di fulmine... conseguente ad un amore ponderato per la lettura. Almeno nel mio caso.
 
5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
La curiosità di mio figlio.  È nato tutto per caso, una frase buttata là e l'invenzione di una piccola storiella, poi mio figlio voleva sapere cosa succedeva a Pinuccio e piano piano mi sono ritrovata a scrivere tutta la storia.
 
6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?
Che tutti abbiamo coraggio dentro di noi e non dobbiamo arrenderci alle difficoltà.
 
7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
Ho sempre amato leggere ma non avrei mai pensato di scrivere qualcosa; è stata un'idea che mi ha perseguitato negli ultimi anni, forse con l'arrivo del mio primo bimbo e il conseguente avvicinarmi a letture da bambini.
 
8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
La storiella di Pinuccio è nata per caso cercando di distrarre la mia bimba più piccola durante il cambio visto che non stava mai ferma... si fermava un attimo, dandomi giusto il tempo di infilarle qualche vestito, solo se raccontavo qualcosa su qualche animale.
Così ha cominciato a prendere forma questo racconto, con la complicità di mio figlio che ha scelto il tipo di animale, il nome e anche la destinazione del viaggio.
 
9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
Non ero sicura del risultato ma comunque sempre certa che l'avrei finito.
 
10. Il suo autore del passato preferito?
Da bambina adoravo Roald Dahl... se ben ricordo il primo libro che ho letto in assoluto è stato “Le Streghe”.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Decisamente utile in determinati casi, per chi non ha la grande fortuna di poter leggere o per chi ancora non lo sa fare.
Ma io adoro leggere per i miei bimbi e anche per me stessa.
 
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Sabato, 26 Gennaio 2019 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)