Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

28 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Michele Martino

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Scrivere è esattamente donare una parte del proprio bagaglio culturale, acquisito nell'arco dell'intero vissuto.
L'emozione è la stessa di quando in prima elementare ci davano i primi elementi per imboccare la strada maestra della vita: il seme che, piantato, col tempo diventa sempre più quercia per dare rifugio al sapere.
 
2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Sicuramente in alcuni aneddoti, oppure nelle disquisizioni di taluni lemma, vi è, non senza malcelato orgoglio, una parte delle mie reminiscenze di gioventù e oltre.
 
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Una sfida nata almeno 17 - 20 anni or sono: iniziare a spalmare un progetto che non sai se è realtà oppure uno scherzo della mente che si invola tra idee e verità note.
 
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
È qualcosa che è nato quasi per gioco o scommessa con me stesso, ed il titolo del testo non ha avuto mai alternative di sorta.
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
Senz'altro la trilogia di Isaac Asimov. La scrittura scorrevole e fortemente innovativa per l'epoca, per molti aspetti mi ha sempre colpito e spinto a dimenarmi tra gli immaginari mondi che sono il bene dell'infinito.
 
6. Ebook o cartaceo?
Cartaceo in primis, ma sicuramente anche ebook per la modernizzazione e globalizzazione della scienza.
 
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Già dagli anni delle scuole superiori qualcosa mi spingeva a fare voli pindarici per cercare di mettere una dopo l'atra parole e significati che spingevano verso una emozione non controllata emotivamente, ma che volevo far emergere prima o poi ed allora...
 
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
 stato un "coup de foudre": quando ti imbattevi con alcuni amici di vecchia data spesso ci si divertiva a trovare vocaboli alquanto desueti e ci si rideva sopra.... chissà fin quando ricorderemo queste parole...
Poi un bel giorno, senza se e senza ma, ho cominciato a registrare talune frasi o vocaboli sul telefonino, su esplicito invito di un carissimo amico che non è più con noi, e quindi da ho cominciato a trasporle nero su bianco. A volte mi telefonava per dirmi: "hai scritto questa parola? e poi quest'altra?". Così è nato il testo "la lingua procidana".
 
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
É quasi un brivido: io sono riuscito in ciò? Non sembra vero ma è come la prima volta in tutte le cose della vita.
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Senz'altro la mia collaboratrice e co-estenditrice dell'opera Maria Grazia Cacciuttolo. A lei il merito di essermi stata a fianco in tutto l'arco della gestazione dell'opera e anche più.
A lei debbo quasi tutto se "la lingua procidana" vede la luce.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
É una conquista ulteriore della moderna scienza: forse da ora in poi non ne potremo più fare a meno.
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 28 Dicembre 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)