Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

14 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Marisa Gei

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Sono nata a Napoli il 25 maggio 1949. Fino a 21 anni ho vissuto in una piccola cittadina vicino al mare, poi mi sono trasferita a Roma per lavoro. Ho sempre amato leggere, infatti trascorrevo interi pomeriggi nella biblioteca della mia scuola media: una curiosità innata mi spingeva a cambiare spesso genere letterario. La voglia di scrivere qualche parola inizia verso i tredici anni con piccole “poesie” (che ancora oggi scrivo), in attesa di diventare grande e dare vita ad una mia storia.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Non ho un momento particolare, dipende dalle emozioni che vivo in quell'attimo. Preferisco comunque scrivere di sera, a volte fino a notte inoltrata, quando il buio della notte ed il silenzio mi circondano e concedo ai sentimenti di emergere dalla mia parte più intima: amore, gioia, malinconia, rabbia, dolore.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Non ho un autore preferito, e leggo vari generi letterari. Di solito, quando devo acquistare un libro, la prima cosa che mi deve colpire è la copertina (per me rappresenta l'essenza del libro), poi leggo la sinossi e quindi decido se acquistarlo. Se devo fare qualche nome citerei Dan Brown (Angeli e demoni, Il codice da Vinci), L.A. Weatherly (con la sua trilogia Angel), Kim Edwards (Figlia del silenzio).
 
4. Perché è nata la sua opera?
Per consentire alle mie mille emozioni di uscire allo scoperto (scrivere poesie non mi era più sufficiente) e dare vita al sogno e ai ricordi che avevo custodito gelosamente nella stanza più segreta della mia anima.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Molto. Alcuni temi sociali che vengono riportati nel mio libro, li ho vissuti in prima persona. Per dieci anni e più, grazie ad un amico e collega d'ufficio, ho seguito un istituto di suore che ospitavano bambine/ragazze allontanate dalla legge da genitori indegni. Non avevo le qualifiche tecniche per affrontare un simile compito, ma è stato positivo, per tutti, far parte della loro vita con amore immenso e sempre pronta ad ascoltare le loro ingenue confidenze.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Entrambi. Io ho sempre affermato che il mio cuore è come una “nota” colma d'amore per gli amici, quelli veri. Per me la scrittura è il mezzo per esprimere il proprio modo di pensare e le emozioni, cui mi lascio andare: mi sembra di far parte di un altrui mondo interiore, che rimane di solito sconosciuto. Ritrovo così la mia anima, che vive in un mondo che forse non le appartiene e non lo sente completamente suo.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Alla protagonista femminile ho dato la mia anima e i miei sogni adolescenziali, invece il protagonista maschile è stato ideato in memoria di un caro amico, cui la vita non ha concesso il tempo per realizzare i suoi sogni... sogni che ho voluto realizzare e far vivere sulla carta, infine donargli l'amore che sognava. I luoghi descritti sono quelli dove ho vissuto, qualche personaggio secondario è stato ispirato da chi ha fatto parte della mia vita.
 
8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?
 Non è presunzione, ma fondamentale è stato il critico interiore che dimora in me.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Ne ho sempre parlato con alcune amiche, ma nessuna ha letto per intero il romanzo. Sarà per loro una sorpresa riceverlo e constatare che ho seguito i loro consigli di pubblicarlo.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Resta comunque una scelta soggettiva. Viviamo in un mondo progredito tecnologicamente. Molti, già oggi, preferiscono scaricare un file su un computer o tablet. È un sistema alternativo per apprezzare un libro ma, in questo modo, va persa la gestualità e l'emozione di aprire, sfogliare e riconoscere l'odore della carta stampata: io non potrei mai rinunciare a questo.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Penso sia un progetto coraggioso, utile per chi è impossibilitato a leggere. Ascoltare una voce narrante ci riporta alle origini, alla nostra infanzia, quando non sapendo ancora leggere, erano le voci dei nostri genitori o nonni che ci raccontavano storie fantastiche.
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Venerdì, 14 Dicembre 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)