Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

06 Dic
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Angelo Pagano

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Scrivere è lo specchio dell'anima; per cui l'emozione che si prova è quella di vedere nel proprio animo di che "pasta" siamo fatti, e del coraggio di cui disponiamo per rivolgerci ad una platea immensa che potenzialmente ci giudicherà nel bene o nel male.
 
2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Un buon 60%.
 
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
Essendo in pratica la continuazione di "Il viaggio incantato di Rupert", "Quando l'amore non ha età" significa il completamento di alcuni concetti e principi fondamentali per la dignità dell'uomo; quali ad esempio l'amore, il rispetto reciproco, la libertà, la democrazia e la fede in Dio. Tutto ciò, va custodito e preservato gelosamente e inculcato nelle giovani menti per far sì che il loro futuro sia prospero di gioia e felicità.
 
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
La scelta del titolo è stata combattuta con la redazione, però alla fine abbiamo concordato con un "Quando" in più.
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
“I Malavoglia” di Giovanni Verga, per il suo realismo.
 
6. Ebook o cartaceo?
Cartaceo, per il contatto con le pagine, ed il profumo dell'inchiostro.
 
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Premetto che la mia scrittura è dettata dalla passione e non la considero almeno per ora, una carriera. Poi, più avanti si vedrà.
 
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Questo libro è nato con l'intento di continuare il precedente "Il viaggio incantato di Rupert", soffermandomi ad analizzare l'amore che nasce tra Marta e Petrov.
 
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
Una soddisfazione unica, specie poi quando leggo critiche e recensioni del pubblico che servono a migliorarmi.
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Mia moglie.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Penso che il lettore (narratore) possa in una qualche maniera interpretare diversamente, ciò che lo scrittore ha scritto.
 
 
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Giovedì, 06 Dicembre 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)