Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

20 Ott
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Aurelio Barberio

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Su di me non c'è molto da dire, vengo da San Gregorio Magno un paesino in provincia di Salerno.

Scrittore ancora non mi ci sento, e ancora non ho deciso di diventarlo, ma scrivere dà libero sfogo alla mia immaginazione, quindi per il momento mi va bene.


2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Quando ne ho voglia, ma soprattutto quando ho qualcosa da raccontare, e per raccontare devo aver vissuto qualche esperienza, quindi scrivo dopo aver vissuto qualche esperienza.


 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Caparezza, cantante, poeta, genio totale.


 
4. Perché è nata la sua opera?
Scrivo da parecchio, ma quando mi sono reso conto che siamo di passaggio su questo mondo, ho deciso di lasciare qualche traccia.


 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Venendo da un piccolo paesino è facile cadere nei luoghi comuni, e io non sopporto i luoghi comuni, inteso anche a livello umano, non sopporto i luoghi comuni nelle persone, e notare tutte le incongruenze che ci stanno nel genere umano; ciò mi ha dato materiale per scrivere.




6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Come già detto parlo di esperienze vissute, ci romanzo un po' sopra, ma non potrei scrivere o parlare di cose che non conosco.


 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
Tutto quello che mi è successo da 24 anni a questa parte.


 
8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?
Tavolo, penne e tanti tanti fogli.


 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Giusto a qualche amico.




10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
Nel 2018 è normale e giusto che la tecnologia abbia preso il sopravvento, ma io non riuscirei mai a leggere da uno schermo, rischierei di addormentarmi.


 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Penso che continuerò a leggere libri di carta.


 

 

 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Sabato, 20 Ottobre 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Ultimi Commenti

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)