Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

14 Ago
Vota questo articolo
(1 Vota)

Intervista all'autore - Danilo Fia

1. Che cos’è per Lei scrivere, quali emozioni prova?
Scrivere la sento una cosa necessaria. È cercare di far venire alla luce qualcosa che è dentro di te e che necessariamente devi raccontare.
 
2. Quanto della sua vita reale è presente in questo libro?
Praticamente niente. Ho cercato solo di immaginarmi uno spaccato di vita della generazione di cui faceva parte mio nonno paterno e che non ho mai conosciuto.
 
3. Riassuma in poche parole cosa ha significato per Lei scrivere quest’opera.
L'opera in sé contiene svariati messaggi. Il più importante penso che sia quello che mette in risalto un sentimento come la speranza che può aiutarti ad andare incontro alla vita con fiducia anche nei momenti più bui.
 
4. La scelta del titolo è stata semplice o ha combattuto con se stesso per deciderlo tra varie alternative?
La scelta del titolo è stata facile visto che il racconto inizia su un piccolo promontorio denominato "Prea" e finisce sempre in quel luogo.
 
5. In un’ipotetica isola deserta, quale libro vorrebbe con sé? O quale scrittore? Perché?
A me piacciono molto gli scrittori americani della beat generation che raccontano del viaggio come percorso di vita e non come punto di partenza o di arrivo. Odiando anche solo il pensiero di trovarmi su un isola deserta cercherei di immaginarmi che la permanenza sull'isola è solo un breve episodio della mia vita, del mio viaggio.
 
6. Ebook o cartaceo?
Cartaceo.
 
7. Quando e perché ha deciso di intraprendere la carriera di scrittore?
Scrivere mi diverte e non l'ho mai immaginato come una professione.
 
8. Come nasce l’idea di questo libro? Ci racconterebbe un aneddoto legato alla scrittura di questo romanzo?
Mentre stavo scendendo dal piccolo promontorio denominato Prea mi sono immaginato un giovane che, rientrando nel paese sottostante da quel luogo, trova la sorpresa di essere chiamato alle armi ed inviato al fronte nella Grande Guerra.
 
9. Cosa si prova a vedere il proprio lavoro prendere corpo e diventare un libro?
È una cosa davvero emozionante. É un mix di emozioni e di paure, anche di aver scritto delle cavolate.
 
10. Chi è stata la prima persona che ha letto il suo libro?
Mia moglie, da cui mi aspetto sempre anche delle dure critiche.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Conosco un'amica che sente raccontare i libri mentre va in macchina al lavoro. Credo che sia un mezzo per divulgare l'opera degli scrittori anche se preferisco la carta stampata.
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

 

Martedì, 14 Agosto 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)