Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

25 Giu
Vota questo articolo
(4 Voti)

Intervista all'autore - Walter Zucchinelli

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nato e cresciuto?
Sono nato a Milano e dopo un anno dalla nascita la mia famiglia si è trasferita a Trezzo sull'Adda, un paese al confine tra le provincie di Milano e Bergamo.
Poi gli studi a Treviglio, Bergamo e Pavia.
 
2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
Sicuramente "1984" di George Orwell.
Un romanzo scritto con questo pseudonimo da Eric Arthur Blair e pubblicato nel 1948: un racconto che narra come il totalitarismo, grazie alla falsificazione ed alla perdita di memoria storica indotta sistematicamente dai mezzi di informazione, operi al mantenimento ed alla glorificazione della dittatura stessa.
Un libro sul quale riflettere.
 
3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?
Sicuramente un processo inarrestabile che riflette in modo speculare la tendenza a disporre di sempre meno tempo libero da dedicare a noi stessi.
Sfogliare le pagine di un libro nella magica tranquillità di una libreria si rivelerà sempre di più essere cosa rara e preziosa.
 
4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
Ritengo la scrittura essere la risultante di una molteplicità di fattori in concorso tra loro stessi: una profonda conoscenza della lingua italiana, la passione per la lettura ed una fervida immaginazione.
Questi solo alcuni.
 
5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
Sicuramente la voglia di raccontare la mia visione in merito alle domande cardine della vita: chi siamo e da dove veniamo; utilizzando la forma romanzata come elemento veicolante di detto pensiero.
 
6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?
Diamo spazio alla fantasia e prendiamo in considerazione il fatto che la realtà sarà molto più fantastica di quanto potremo mai immaginare.
Siamo solo agli inizi: nei prossimi decenni assisteremo a scoperte scientifiche incredibili.
 
7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
Il fattore "arte" è stato una costante della mia vita.
La chitarra prima, lo studio del pianoforte per tanti anni poi, mi ha permesso di essere anche autore di brani musicali.
La scrittura a compimento e corollario di detto percorso artistico.
 
8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
È mia abitudine avere in lavorazione almeno due racconti diversi; questo per scongiurare ed evitare, grazie a detta alternanza, il cosiddetto "blocco dello scrittore".
Il momento più bello si rivela quando, riunito con i miei figli e dopo avere fatto leggere a loro i due inediti, decidiamo insieme quale sarà la prossima pubblicazione da portare a termine.
È una prassi, una consuetudine, un momento importante oltre che il mio tentativo di avvicinare le loro giovani menti alla letteratura ed alla scrittura.
Il tutto con spirito critico.
 
9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
No, perché come ho precedentemente detto, alterno sempre la scrittura del romanzo scelto per essere pubblicato con altri racconti di diverso contenuto.
Detesto scrivere pressato dalle date di pubblicazione.
 
10. Il suo autore del passato preferito?
Sicuramente Victor Hugo.
Ritengo "I Miserabili" scritto nel 1862 uno dei romanzi più belli che abbia mai letto.
Lo consiglio a tutti.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
La mancanza di tempo, una vita sempre più frenetica all'insegna di una polifunzionalità "multitasking" ridurranno lo spazio dedicato alla lettura prossimo allo zero.
Sarà una voce narrante mentre guideremo nel traffico delle future metropoli ad alta densità demografica a raccontarci queste storie; che autori nella tranquillità della loro stanza avranno avuto la fortuna di potere scrivere.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Lunedì, 25 Giugno 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

 

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)