Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

06 Giu
Vota questo articolo
(0 Voti)

Intervista all'autore - Gerlanda Mandracchia

1. Ci parli un po' di Lei, della Sua vita. Da dove viene? Come e quando ha deciso di diventare scrittore?
Io sono nata ad Agrigento. Ho trascorso in questo bellissimo paese una infanzia meravigliosa.
Ho avuto la fortuna di vivere in un ambiente che definirei, per la sua bellezza, bucolico. Qualcuno nel vederlo lo definì un Paradiso terrestre.
Il romanzo inizia con un'ampia descrizione di questa celestiale natura che è rimasta impressa dentro di me.
La fanciullezza è stata abbastanza tranquilla. Ero destinata dai miei genitori di non andare più a scuola, finito l'elementare. Ma io volli studiare e lo feci con tanta passione.
La cosa anche che prediligevo era l'abbigliamento che io rendevo originale e ciò mi era possibile, perché la mia mamma aveva una sarta personale.
Da adulta la mia vita cambiò completamente. Incontrai per un lungo periodo delle sventure e non capivo il perché, arrivavano inaspettatamente.
 
2. Nell’arco della giornata qual è il momento che dedica alla scrittura?
Scrivo di notte, quando tutti dormono e regna il silenzio. Non è stata una scelta, ma una abitudine.
Da ragazza studiavo di notte, arrivavo a scuola preparatissima. Sentivo che alcuni compagni andavano a letto presto e il mattino prima di andare a scuola ripassavano.
Io volli provare, risultato? mi sentii male e quel giorno non andai a scuola.
 
3. Il suo autore contemporaneo preferito?
Il mio autore preferito è Dan Brown, perché ha il coraggio di scrivere cose importanti che ci permettono di riflettere, di fare sillogismi e di condurci alla conoscenza della verità.
 
4. Perché è nata la sua opera?
La mia opera è nata, perché è bello vivere. Se si coltiva questo pensiero, si riesce a superare la maggior parte delle difficoltà: l'angoscia, la paura e quindi la depressione. Nella vita si deve essere dignitosi, ci si deve voler bene, bisogna avere stima di se stessi e andare avanti a testa alta. La cosa importante che voglio far capire è quella di non fidarsi mai ciecamente di nessuno, mai mostrare con ingenuità troppo di sé agli altri è la peggiore cosa che si possa fare e in questo io sono stata incauta. Ho fronteggiato cose bruttissime, ma non mi sono dimostrata vittima . La donna è un essere intelligente e non deve farsi mancare di rispetto.
 
5. Quanto ha influito nella sua formazione letteraria il contesto sociale nel quale vive o ha vissuto?
Il contesto socio culturale ha influito molto in me . Mi ha irrobustita interiormente e mi ha permesso di fronteggiare tutte le avversità e di avere un autocontrollo che inconsapevolmente mi è stato di aiuto nei brutti momenti.
 
6. Scrivere è una evasione dalla realtà o un modo per raccontare la realtà?
Scrivere oggi potrebbe essere un’evasione della realtà, per poi scoprirla,
I filosofi per assurdo per sillogismi, per deduzioni hanno dimostrato molte verità. Scrivere significa anche raccontare i fatti della realtà.
 
7. Quanto di lei c’è in ciò che ha scritto?
La storia della protagonista simile alla mia e l'ispirazione di scrivere che ho avuto fin da ragazzina, mi hanno spinto a scrivere il romanzo.
 
8. C’è qualcuno che si è rilevato fondamentale per la stesura della sua opera?
No, è stato come liberarsi di qualcosa che portavo dentro di me ed era diventata un po' pesante. Quindi ho cercato di liberarmi, ci sono riuscita, mi sento bene.
 
9. A chi ha fatto leggere per primo il romanzo?
Ad un anziano in palestra. Tutti i giorni stava seduto sulla cyclette per far guarire le gambe. Vedevo che leggeva molti libri, allora chiesi se poteva leggere il mio.
 
10. Secondo lei il futuro della scrittura è l’ebook?
L'ebook sarà molto gradito, perché risulta molto comodo, ma il cartaceo non potrà mai tramontare, è il preferito in assoluto.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
Io penso che avrà molto successo. Ascoltare la voce la persona può percepire emozioni e sensazioni
In una società come quella di oggi è difficile impegnarsi a leggere. Ascoltare invece implica piacere e rilassamento.
 

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Mercoledì, 06 Giugno 2018 | di @BookSprint Edizioni

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)