Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

BookSprint Edizioni Blog

22 Mag
Vota questo articolo
(3 Voti)

Intervista all'autore - Lucilla L. Leone

1. Parliamo un po’ di Lei, dove è nata e cresciuta?
Sono nata e cresciuta a Colleferro, in provincia di Roma, una cittadina nata intorno ad un complesso industriale e che raccoglie in essa persone provenienti un po' da tutte le regioni italiane, questo ha fatto sì che le nostre tradizioni fossero un mix di tutte le usanze della cultura d'Italia.
 
2. Che libro consiglierebbe di leggere ad un adolescente?
Ad una ragazza consiglierei "Piccole donne" mentre ad un ragazzo "Il piccolo principe".
 
3. Cosa pensa della progressiva perdita del libro cartaceo a favore dell’ eBook?
Io sono sempre stata un'assidua sostenitrice del cartaceo, forse sono troppo nostalgica ma, per me, sfogliare un libro, sentire lo scricchiolio dei fogli, l'odore della stampa ha un fascino particolare perché dà la sensazione di penetrare nella storia raccontata.
 
4. La scrittura è un colpo di fulmine o un amore ponderato?
Il desiderio di scrivere, raccontare, esprimere sensazioni posso dire che è nato con me. Fin da piccola ho amato la scrittura, durante il periodo della scuola elementare mi divertivo a scrivere e ad illustrare storie, crescendo questa passione si è accentuata ed è diventata anche una valvola di sfogo, in quanto mi aiuta a superare i momenti più cupi.
 
5. Cosa l’ha spinta a scrivere questo libro?
L'incontro con una coppia insolita e interessante.
 
6. Quale messaggio vuole inviare al lettore?
Praticamente, parafrasando Platone, vorrei lanciare questo messaggio: "Per un uomo conquistare se stesso è la prima è più nobile di tutte le vittorie."
 
7. La scrittura era un sogno nel cassetto già da piccolo o ne ha preso coscienza pian piano nel corso della sua vita?
Come ho avuto modo di spiegare prima, la scrittura è sempre stato il mio sogno, potrei dire che è parte di me.
 
8. C’è un episodio legato alla nascita o alla scrittura del libro che ricorda con piacere?
Direi che la cosa che mi ha recato maggior soddisfazione è stata l'approvazione di una mia amica ex insegnante di lettere la quale, dopo aver letto il mio racconto, mi ha detto che lo aveva trovato davvero intrigante e che, a parer suo, avrebbe potuto trovare anche l'approvazione di molte altre persone.
 
9. Ha mai pensato, durante la stesura del libro, di non portarlo a termine?
No, quando inizio a scrivere qualcosa la porto sempre a termine.
 
10. Il suo autore del passato preferito?
D'Annunzio.
 
11. Cosa ne pensa della nuova frontiera rappresentata dall’audiolibro?
La trovo interessante e utile soprattutto per i non vedenti che possono avere così la possibilità di godere di opere letterarie in modo agevole.

Acquista il Libro sul nostro ecommerce

 

 

Martedì, 22 Maggio 2018 | di @BookSprint Edizioni

5 COMMENTI

  • Link al commento Teodoro inviato da Teodoro

    Investigare sulla natura umana e scrivere di essa è sempre complicato, perché l'autore deve riuscire, allo stesso tempo, a suscitare la riflessione del lettore e a fornire, tra le righe, una possibile chiave di lettura della morale che si vuole trarre dall'opera. Al di là della storia e del personaggio (un playboy, ma potrebbe essere anche una playgirl, il risultato sarebbe il medesimo) che appare, in alcuni momenti, persino frivolo ed insopportabile, Lucilla, oltre a forzare la riflessione di cui sopra, suggerisce anche che l'accresciuta maturità di una persona conduce, molto spesso, ad un'altrettanto accresciuta considerazione di determinati valori che, sovente, vengono ritenuti troppo semplici ed ingenui, ma che invece sono da includere tra i collanti più potenti dell'umana convivenza. La prosa poi è scorrevole ed intrigante. Per tali ragioni mi sento di complimentarmi vivamente con Lucilla e di assegnare a lei e alla sua opera un'alta valutazione

    Mercoledì, 23 Maggio 2018 18:58
  • Link al commento manuela pasquini inviato da manuela pasquini

    il libro è piacevole scorrevole ,scritto con molta eleganza, che normalmente contraddistingue l'autrice.

    Mercoledì, 23 Maggio 2018 12:00
  • Link al commento marcello mattia inviato da marcello mattia

    Ho trovato il libro interessante in quanto con semplicità riesce a scavare nel profondo del personaggio, trasmettendo inoltre il messaggio finale ossia che qualsiasi individuo puo' cambiare in qualsiasi momento del percorso di vita a prescindere dalla propria personalità costruitasi in precedenza.

    Martedì, 22 Maggio 2018 19:21
  • Link al commento Paola inviato da Paola

    È un libro molto bello che tocca un argomento insolito quello dell'esperienza di vita di Giacomo, un playboy ormai adulto. Scorrevole e piacevole. Brava Lucilla Leone.

    Martedì, 22 Maggio 2018 17:14
  • Link al commento Viviana inviato da Viviana

    Libro scorrevole e piacevole da leggere intriga molto la figura del protagonista, mi piacerebbe un seguito

    Martedì, 22 Maggio 2018 13:43

Lasciaun commento

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

I contenuti e i pareri espressi negli articoli sono da considerarsi opinioni personali degli autori che
non possono impegnare pertanto l’editore, mai e in alcun modo.

Le immagini a corredo degli articoli di questo blog sono riprese dall’archivio Fotolia.

 

BookSprint Edizioni © 2016 - Tel.: 0828 951799 - Fax: 0828 1896613 - P.Iva: 03533180653

La BookSprint Edizioni è associata alla AIE (Associazione Italiana Editori)